BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

martedì 6 dicembre 2011

L'autunno

Martina ha sette anni, un visino dolcissimo e degli occhietti castani incorniciati in occhiali da vista fucsia, è il suo colore preferito. Odia leggere, confonde la "b" con la "d" ma colora benissimo. Ha una stupefacente maestria  nel mescolare il blu, il marrone, l'arancione, il giallo e tutte le altre sfumature. Grazie a lei ho scoperto questa poesia. Bellissima. Che ne pensate?


L’autunno
(J.Renard)

Io vidi una mattina
l’autunno camminare.
Aveva nella mano
tre goccioline di brina,
nel cesto un venticello
per sollevar le foglie.
Portava per mantello
un grigio nuvolone
e andava lento lento
curvo sul suo bastone.

15 commenti:

  1. "A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino". (Pablo Picasso, Corriere della sera, 9/10/09)

    RispondiElimina
  2. ciao Stefania, grazie per essere passata, se ti metti tra i membri, faccio meglio a cercarti.
    Complimenti a Martina per il disegno,
    Anche a me è sempre piaciuto disegnare, ma quando andavo a scuola io erano tempi diversi *__*
    Ciaooo!! e buona serata!!
    Magda

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania, eccomi qui: mi sono fermata subito su questo post, perchè anche un bambino che seguo io confonde la "b" con la "d" e non solo purtroppo...
    Spulcerò il resto un pò meglio...
    A presto... :-)

    RispondiElimina
  4. Anche io confondevo la b con la d, la f con la v, il > col <!
    Problema risolto con il tempo ma la retromarcia è sempre un'impresa! In bocca al lupo a Martina.
    La poesia è molto carina!

    RispondiElimina
  5. Eccomi!
    Ho visto che hai aperto questo blog da poco. Ho dato un'occhiata veloce e mi piace perchè amo leggere, amo l'odore delle librerie, amo scrivere e ho scritto parecchi post sui libri e le librerie.
    A presto!

    RispondiElimina
  6. una poesia dolcissima...
    grazie per la tua visita nel mio blog...
    tornerò presto...
    buona serata
    lella

    RispondiElimina
  7. Grazie per essere passata, cara Stefania: sono lieta di fare la tua conoscenza.
    La poesia che proponi è ricca di pregnante e avvolgente atmosfera.

    A presto, un bacione
    annamaria

    RispondiElimina
  8. Bella la poesia e anche il disegno,meno le confusioni. Anche io da bambino confondevo la scuola con il bar, infatti poi sono diventato uomo da bar!!

    :D :D :D

    p.s. di paure ne ho ancora molte..

    :)

    RispondiElimina
  9. Io invece confondevo la s con la z... Bella la poesia che ti ha fatto conoscere Martina!
    Un caro saluto e grazie della visita :-)
    Angela

    RispondiElimina
  10. Che hai fatto veramente una bella scoperta e nello stesso tempo hai dato la possibilità a chi non la conosceva di scoprirla a sua volta.
    Io ancora oggi confondo la d con la b :-)
    Ciao, Patrizia

    RispondiElimina
  11. Molto carina la poesia e davvero bello il disegno, ti auguro una buona festa un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Direi che dovremo sempre imparare dai bambini, mentre sono loro troppo spesso ad imparare da noi adulti, purtroppo!

    RispondiElimina
  13. mi colpisce moltissimo il disegno, con quella enorme margherita primaverile circondata dai segni dell'autunno... cioè... w la vita!

    RispondiElimina
  14. Bello questo post e anche la poesia :)
    I bambini guardano il mondo con occhi diversi, loro sì che possono insegnarci tante cose.
    Grazie per il tuo passaggio, ti auguro buona serata :)
    Emilio

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    grazie della visita sul mio proflio ;-)

    io invece confondevo la f con la v

    RispondiElimina