BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

sabato 10 novembre 2018

Quando...

... leggo un libro che mi piace, non riesco mai a centellinare la lettura e avidamente inizio a divorare le parole, i personaggi, la storia, i luoghi. Così ho escogitato un piano: proprio nel momento in cui inizio a rotolare veloce lungo i sentieri impervi della lettura...mi fermo!


Chiudo il libro e per un istante mi interrompo.
Stop.
Poi riprendo e, con calma proseguo, in compagnia dello scrittore. Di soppiatto mi dileguo dalle situazioni imbarazzanti oppure origlio, sbircio....
Mi lascio guidare: entro in punta di piedi nella camera del protagonista o nella testa del serial killer. Condivido le ansie, elaboro delle ipotesi. Oppure rido, mi commuovo.

Eh.. la potenza di un VERO libro!



martedì 23 ottobre 2018

Kenny Random come Bansksy

Ho scoperto questo sito ilpensieroviaggiatore e per chi ha sete di luoghi e mete, Anna (la curatrice del sito) consegna al navigatore una mappa dei luoghi e una serie di notizie inbteressanti sui SUOI viaggi.

Grazie a lei ho scoperto Kenny Random, pseudonimo di Andrea Coppo, artista e writer italiano.











domenica 7 ottobre 2018

La fortuna del mio lavoro!

Lavoro in libreria dal 2006 e sono cambiate tantissime cose, sono cambiate le persone e l'approccio al libro. Si temeva l'avvento dell'e-book, ma il problema non è stato il digitale, ma la possibilità di acquistare on-line. Su internet il prezzo è inferiore (anche se in libreria c'è una vasta gamma di libri scontati), l'ordine è immediato (anche se in libreria c'è un ricco assortimento). Il discorso cambia con i libri usati o i reminders, ma non è mia intenzione oggi, parlare della difficoltà di una libreria a "stare in piedi".

Desidero invece raccontarvi la bellezza del mio lavoro; ciò che lo rende unico sono i clienti che si trasformano in persone e solo alcune diventano speciali perchè si confidano attraverso il racconto di quel libro con una tal passione che provi una felicità immensa ad esser entrato in punta di piedi...
Mi lascio "consigliare" e mi ritrovo in villaggi sperduti, racconti avvincenti, epiche avventure e Alderigo mi ha consigliato questo storie magnifiche; è quando incontri QUESTI tipi di libri che l'anima si scuote e pensi che  è davvero un peccato non riuscire a leggere! Certo bisogna essere predisposti tuttavia  è  necessaria una buona dose di impegno


Alderigo mi ha consigliato questo:











Ermira mi ha parlato di questo:







Questo invece, appena arrivato in libreria, l'ho sfogliato e me ne sono innamorata:



giovedì 27 settembre 2018

Proposta a chi mi legge...

Pensavo di "parlare" un po' con voi. 
Mettiamoci un po' in gioco. 



Cominciamo, mi farà piacere leggere le vostre risposte tra i commenti.
1) Questa mattina appena sveglio/a ...
2) Andando a lavoro/a scuola/a spasso ho incrociato...
3) Non sopporto proprio...
4)Volevo... ma...
5) Questa sera sul divano/in cucina/ con una amica-o/ ho in programma...

Le mie risposte
1) ... sono inciampata su una scarpa e per poco non mi rompevo il cranio
2) Andando a lavoro in bicicletta ho incrociato delle persone che si recavano al mercato del mio paese con buste colme di vestiti, frutta e verdura e oggetti casalinghi.
3)... chi entra in negozio con il cellulare all'orecchio e invade la libreria di parole urlate!
4)...chiamare un'amica ma ho deciso che non lo farò!
5) Questa sera giocherò con la mia bimba.

domenica 9 settembre 2018

La strategia dell' "acchiappacitrulli"!


Finito di leggere... e, come sempre, Maffei non mi delude. Lo avevo già apprezzato in questo libro


che elogiava i vantaggi di una cultura basata sulla riflessione e sottolineva un concetto che spesso dimentichiamo: "Il cervello è una macchina lenta e, nel tentativo di imitare le macchine veloci, andiamo incontro a frustrazioni e affanni."

Elogio della parola è un librino che si incornicia perfettamente al momento storico che stiamo vivendo in cui c'è un abuso della parola, utilizzata in maniera scorretta - e non intendo SOLO errori di sintassi o di grammatica, ahimè in pauroso aumento -. Le idee che ne scaturisacono sono delle vere e proprie menzogne a cui noi italiani crediamo abboccando come "citrulli". Riporto una considerazione espressa nel libro che mi sembra importantissima: " Per correttezza mi sembra doveroso aggiungere una nota concernente l'affermazione che il linguaggio sia una stringa di parole legate dalla ragione, perchè questa sembra venir meno, particolarmente in tempi recenti, nel linguaggio dei politici, le cui parole sono spesso semplicemente suoni, magari brillanti e sonori legati dalla strategia dell'"acchiappaconsensi", detta anche strategia "acchiappacitrulli".

immagine presa dal web
Ora, mi chiedo...come si riesce a rimanere indifferenti di fronte a questo tipo di pensiero? Accidenti, su, forza Stefania cerca di essere obiettiva e valuta ciò che ti viene propinato in tv, nei social, in radio, in qualsiasi mezzo di comunicazione ascolti! Supera la mediocrità strisciante e viscida che livella tutto e tutti! Come? Intanto ne parlo qui nel blog, poi l'ho regalato ad un paio di amici e poi...vi terrò aggiornati.

mercoledì 29 agosto 2018

Ogni coincidenza ha un'anima

Questa volta Vince Corso, bibloterapeuta romano, ha un enigma da risolvere: ha in mano una serie di frasi sconnesse che un anziano malato di Alzheimer, continua ossessivamente a ripetere, senza alcun senso (apparente).

Dovrà capire cose le legano e perchè?  Dovrà addentrarsi nella sinuosità di ogni singola frase e utilizzare le parole come indizi per dare un senso alla sequenza di quelle parole affondando, le sue conoscenze, nei meandri della mente di quel signore la cui memoria funziona ad intemittenza; è la sorella a chiederglielo perchè una volta individuato il libro lei potrà leggerglielo ad alta voce , dice... qualche pagina al giorno per rallentrare il decorso della malattia. Un compito arduo: perchè qualora lui riuscisse a dare un senso a quelle frasi  dovrà poi associarle a un libro.


La sua indagine sarà avvicente, incontrerà delle strane persone e capirà le tante sfumature che un rapporto tra uomo e donna può assumere.


E poi c'è Roma: caotica, multietnica, problematica, complicata...



E poi ci sono i suoi pazienti: estroversi, prepotenti e indiscreti...
E poi c'è Vince: una persona buona che abita in via Merulana (quella del Pasticciaccio di Gadda) in una stamberga, sepolto dai suoi libri, dalle sue annotazioni compulsive...

E poi c'è una ragazza Feng...e non aggiungo altro se non che OGNI COINCIDENZA HA UN'ANIMA...


 Fabio Stassi è uno scrittore che ha l'abilità di combinare le parole magistralmente, di collocarle al posto giusto, di incastonarle come fossero diamanti. Il risultato? Un bellissimo romanzo, originale, colto, poetico, che profuma di mille altri libri.
La parola salva.
Il libro cura.



venerdì 17 agosto 2018

Finalisti Campiello 2018

Il vincitore della 56^ edizione del Premio Campiello, indicato dalla Giuria dei Trecento lettori anonimi, verrà proclamato sabato 15 settembre al Gran Teatro la Fenice di Venezia.

(Cliccate sul titolo di ogni libro per scoprire  delle curiosità)

I cinque libri più votati sono: 
La ragazza con la Leica(Guanda) di Helena Janeczek con 9 voti

La Galassia dei dementi (La Nave di Teseo) di Ermanno Cavazzoni con 6 voti

Mio padre la rivoluzione (Minimum Fax) di Davide Orecchio con 6 voti

Le vite potenzial(Mondadori) di Francesco Targhetta con 6 voti

Le assaggiatrici (Feltrinelli) di Rosella Postorino con 6 voti

lunedì 30 luglio 2018

Il coraggio delle scelte.

Arturo è nato a Procida, la madre è morta di parto e il padre è sempre in giro: lo ha "abbandonato", torna raramente e rimane per qualche settimana, poi riparte. Nonostante tutto, lui lo adora, lo paragona agli eroi delle sue storie.
Trascorre la sua adolescenza, sull'isolacome un selvaggio, in solitudine. A 15 anni la sua vita ha una virata e cambia totalmente: scoprirà l'amarezza della verità, sperimenterà il rifiuto... Prenderà una decisione coraggiosa che lo farà soffrire, certo, ma lo renderà più forte.

Entrare nel "mondo dei grandi", si sa, comporta delle rinunce inoltre bisogna prendersi delle responsabilità, ma diventare adulti è comunque una conquista!

Un libro che ho appena terminato di leggere e che consiglio a chi ha voglia di perdersi in una scrittura favolosa, in una trama stupenda. Elsa Morante, con questo libro, nel 1957, vinse il premio strega .

Suggestiva la genesi della storia:  Elsa Morante nel 1955, all’ombra dell’agrumeto nel giardino dell’allora Albergo Eldorado, ebbe l’ispirazione per il romanzo.


Interessante le notizie su questo albergo: l’albergo Eldorado fu costruito alla fine dell’Ottocento ma divenne popolare soprattutto negli anni Cinquanta quando vi alloggiarono Vasco Pratolini, Alberto Moravia e appunto Elsa Morante che, beneficiando della splendida vista sul mare e la frescura nel giardino di limoni, iniziò a scrivere il summenzionato romanzo. Per la bellezza e l’alto valore letterario che questo luogo aveva assunto, quando l’albergo chiuse nel 1998, il Comune prese in affitto la struttura dalla famiglia Mazzella di Bosco, tuttora proprietaria, per aprirvi il “Parco Letterario Elsa Morante“, restituendo finalmente a tutti la possibilità di visitarlo.


Purtroppo a causa di alcuni problemi economici sorti tra le due parti  il giardino è oggi chiuso e non è più accessibile in alcun modo.


A riprova che leggere ti fa scoprire il mondo, ti apre la mente e ti rende LIBERO!

 

domenica 22 luglio 2018

Ricordi


Ho cercato questa canzone per un giorno intero, mi veniva in mente il video, null'altro. NIENTE, non riuscivo proprio a ricordare nulla, nulla, nulla.

Ieri, all'improvviso, mentre ero intenta a sparecchiare, ho canticchiato una melodia e mi sono detta: "Ehi, ma è quella, diamine quella che non riuscivo a tirare fuori dai cassetti della memoria, quella che mi ha fatto compagnia un'intera estate (di molti anni fa, credo una decina) durante un periodo particolarmente impegnativo a lavoro e che  mi "sparavo" a tutto volume per farmi scivolare addosso il peso della stanchezza e della rabbia!

E ieri, PUFF è riapparsa , allora ho continuato  a canticchiarla fino ad arrivare al titolo MAD ABOUT YOU e poi internet, google, HOOVERPHONIC, sìììììì, e poi youtube.

Eccola, la condivido con voi!

giovedì 12 luglio 2018

Finalisti Premio Bancarella 2018

Anna che sorride alla pioggia – Guido Marangoni

I fantasmi dell’impero – Consentino/ Dodaro/ Panella  
http://www.premiobancarella.it/site/?page_id=1861

L’assassinio di Florence Nightingale Shore – Jessica Fellowes 
http://www.premiobancarella.it/site/?page_id=1864

Nostalgia del sangue – Dario Correnti
http://www.premiobancarella.it/site/?page_id=1867

La regina del silenzio – Paolo Rumiz
http://www.premiobancarella.it/site/?page_id=1870

 Tutto questo ti darò – Dolores Redondo
http://www.premiobancarella.it/site/?page_id=1873