BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

mercoledì 19 aprile 2017

Classici per ragazzi!

Classici per ragazzi: una bella scelta, ottimo anche per "i grandi!
 
I più bei classici illustrati per ragazzi raccontati  Guido Sgardoli
L’isola del tesoro – ventimila leghe sotto i mari – viaggio al centro della terra – i tre moschettieri – le avventure di Robinson crusoe – dracula – Frankenstein – le tigri di onpracen – s. h. e il mastino di baskerville – la guerra dei bottoni






Le grandi fiabe in poche parole di Roberto Piumini
I musicanti di brema – la cicala e la formica – rosa bianca e rosa rossa  pollicino – riccioi d’oro e i tre orsi – il pesciolino d’oro – la volpe e l’uva – la regina delle nevi – mignolina – al lupo, al lupo – cappuccetto rosso – hansel e gretel – i tre porcellini – il brutto anatroccolo – biancaneve – la lepre e la tartaruga – il gatto con gli stivali – la bella addormentata – cenerentola -  il vestito dell’imperatore – il corvo e la volpe – il pifferaio di hamelin – raperonzolo – il soldatino di stagno – il lupo e i sette capretti -  l’omino di pan di zenzero -  la principessa sul pisello -  la piccola fiammiferaia – il fagiolo magico

lunedì 10 aprile 2017

Ci si prepara per l'estate

Passeggiando (ore 14,30) noto come gli stabilimenti balneari si stiano preparando all'estate:

i blocchi di cemento impilati pronti per diventare le passerelle,

la sabbia "arata" per renderla soffice e piacevole,

i bar tinteggiati a nuovo e poi i pattini raminghi, un biliardino abbandonato ed ancora i dischi (in gergo i piattini) degli ombrelloni ammonticchiati e avvisi...




La spiaggia è disseminata da mucchi ordinati di sterpaglia da buttare mucchi: è  ciò che le mareggiate depositano dopo la tempesta.

Si lavora, si aggiusta, si pulisce, si ordina... e il mare è lì, è sempre lì.





sabato 1 aprile 2017

Candidati Premio Strega 2o17

La lista dei candidati al premio strega è lunghissima ben 27 libri!



Sì ridurrà prima a 12 pretendenti poi a 5: la cinquina si conoscerà il 14 giugno.

La serata finale è invece in programma giovedì 6 luglio, ma la sede che la ospiterà non è stata ancora resa pubblica.

martedì 21 marzo 2017

Primavera

21 marzo
La prima rondine
venne iersera
a dirmi:- E’ prossima la Primavera!
Ridon le primule
nel prato, gialle,
e ho visto, credimi,
già tre farfalle.
Accarezzandola
così le ho detto:
-Sì è tempo, rondine,
vola sul tetto!

Ma perchè agli uomini
ritorni in viso
come nei teneri
prati il sorriso
un’altra rondine
deve tornare
dal lungo esilio,
di là dal mare.

La Pace, o rondine,
che voli a sera!
Essa è per gli uomini
la primavera.
(G.Rodari)

lunedì 13 marzo 2017

La (mia) catena dei libri!

Avete presente il gioco "la catena delle parole"? Una serie di parole hanno un legame: ci sono delle correlazioni tra la precedente e la successiva e si può proseguire attraverso un anagramma, un sinomino o un contrario, un detto, una similitudine, per associazioni di idee e così via.
Ecco. Mi è capitato la stessa cosa con una serie di libri.


Tutto è cominciato con un libro di appena 130 pagine e precisamente quello azzurrino (in foto) edito da Adelphi scritto da Herman Hesse "Una biblioteca della letteratura universale", una raccolta di saggi scritti dal 1907 al 1945. Come recita la quarta di copertina "Hesse, con mano ferma e gesto intimamente gentile, introduce alla magia dei libri. Spiega con limpidezza che cosa significhi incontrare un libro."  Ho preso appunti, annotazioni e su un quaderno (sono legata al cartaceo, forse in maniera ossessiva) ho scritto dei promemoria.

Questo è un libro che ho spulciato, ho studiato, ho riletto per comprendere al meglio le sue considerazioni acute,  insomma al termine avevo bisogno di una lettura un po' più "soft". Sono incappata in "Lettori. Variazioni sul tipo" di Giovanni Previdi un libraio e Alessandro Sanna un illustratore. D i v e r t e n t i  s s i m o  edito da Gallucci. Attraverso una descrizione ben precisa vengono fuori le manie e le ossessioni di noi lettori, una sorta di inventario: l'annusatore, il lettore-scrittore, il feticista, il lettore-ombra, quello spirituale e tanti-tanti altri, guardate un po' le foto che ho scattato:
il lettore da rimorchio

il lettore da spiaggia

il lettore dandy
Seguendo la scia lasciata dalla parola "lettori", ho proseguito con Vittorio Sermonti e il suo "Vizio di leggere" edito da BUR. Scrive del suo libro: "Compilato in una nazione e in un'epoca in cui sono più quelli che scrivono e pubblicano libri di quelli che li leggono, credo comunque configuri una istigazione alla lettura."; da Tolstoj a Gozzano, da Hemingway a Pessoa, da Eschilo a Saffo e poi McEwan, Piperno, Szymborska, Enzensberger. La cosa "geniale", a mio avviso, è che il vizio di leggere si estende ad altro, tra le pagine, infatti, si scorgono etichette, istruzioni per l'uso, graffiti e l'Almanacco Illustrato del Calcio del 1983 del figlio. Originale, no? Tutto assemblato da un grande narratore, saggista, traduttore, regista e finalista premio strega 2016 con il libro Se avessero.

Infine sono approdata, nella mia personalissima catena dei libri, al romanzo La strage dei congiuntivi. Perché?  L'incipit mi è piaciuto tantissimo. Lo sto leggendo e vi farò sapere!

A voi è capitato che un libro vi abbia rimandato ad altri e altri ancora? Sarei davvero curiosa di saperlo.

venerdì 3 marzo 2017

La mia prima intervista!

Che bello, sono stata intervistata dal blogger che ha websulblog.blogspot.com .

Domande sulle miei passioni, su ciò che faccio ogni giorno e mi sono resa conto di quanto sia fortunata a fare un lavoro che amo!

Ecco qui  la mia intervista.

martedì 28 febbraio 2017

Il dado delle storie...

La mia idea era quella di inventare delle narrazioni utilizzando il dado delle storie: si lancia e si intessono dei racconti a seconda di cosa esce fuori.
Bene.
Sono partita da questo video, per realizzare il dado: semplice, veloce e senza colla.


E poi mi sono sbizzarrita. Ho creato tre dadi di grandezze diverse:
- il dado delle maschere italiane e dei personaggi dei fumetti
- il dado degli animali
- il dado della festa






Aggiungi didascalia




E poi ho scelto questi libri:
1) Il topo dalla coda verde di Leo Lionni
2) Nella foresta delle maschere di Laurent Moreau
3) Tigre! Pirata! Cavaliere!
4) Immagina... di Norman Messenger
e
...

martedì 21 febbraio 2017

La passione ribelle

Ai ragazzi delle medie (scuola  secondaria di primo grado) prima di parlare di libri e dell'importanza della lettura, leggo:

"Lo studio sa di muffa, è passato, è vecchiume. Già solo la parola ci suscita un malessere, un'avversione. Studio! Di contro, agili PC, smartphone, lucine a led, schermi giganti, megabyte. Musica, velocità, divertimento. Lo studio per tutti noi è un'ombra che oscura il mondo, è una crepa sul muro: incrina e abbuia la nostra gioia di vivere. Lo studio non ci seduce. Non è cool. Abbiamo mai sentito qualcuno che, alla domanda "Cosa ti piace fare nella vita?" risponda: "Studiare"? prendiamo le persone affermate. Mai che dicano d'aver studiato tanto, e che se non avessero studiato non sarebbero arrivate. Chi studia è uno sfigato. Oggi mostrare la cultura non va più, non si fa. Oggi piuttosto si esibisce l'ignoranza, rende molto di più. È come se il non sapere e il non studiare ci dessero un fascino aggiunto, una certa patina di rozzezza che sa subito di istinto primordiale, naturalezza ferina, autenticità. Studiare, nel nostro immaginario, vuol dire non vivere."
Si sentono capiti, annuiscono con quell'aria boriosa tipica della loro età, ma si incuriosiscono.

Ebbene questo è il libro





Questo è un signor libro (l'indice in pdf). L' ho letto con grande interesse ed ho una certa difficoltà a sintetizzare talmente tante sono le cose interessanti da dire, gli spunti su cui lavorare, le considerazioni da fare.

Mentre lo leggevo, pensavo a chi sarebbe piaciuto, con chi avrei potuto condividerlo: l'ho consigliato ad un cliente che l'ha ordinato e poi ne ho regalata una copia ad una mia carissima amica che, sono certa, apprezzerà e con la quale ne parlerò.

Lo studio è metodo, certo...ma è una passione che ti permette di pensare con la tua testa.
Lo studio è faticoso, certo...ma è una passione che ti permette di sapere.
Lo studio è necessario, fondamentale, utile per non essere manovrati, plagiati e manipolati.

La passione ribelle - scritto da Paola Mastrocola -  lo consiglio a chi insegna, a chi educa, a chi ha a che fare con i ragazzi, con i giovani e a chi crede che studiare non serve a niente, a chi lavora in libreria, in biblioteca, a chi ama la parola e a chi non sa come studiare, a chi pensa che tanto c'è Internet.

E poi chiudi il libro e capisci che la copertina ha senso.

Piccolo aneddoto.
In libreria, al telefono:
"Avete il libro Macerata 2006 di Quo..le..t.(è una ragazza sulla ventina)"
" Scusi non ho capito" - chiedo.
"Macerata 2006 di Quodlibet."
"Ma lei è sicura del titolo? Credo si sia confusa perché Quodlibet è una casa editrice nata a Macerata"
"Ehm...no aspetta (la ragazza ride) credo che il titolo è (sia) Junkspace (il titolo ho impiegato un po' a capirlo...)"
Penso: Oh-santa-pace! T e r r i b i l e

Ecco, evitiamo di fare queste figure barbine!

venerdì 10 febbraio 2017

Lettura ad alta voce: alcuni suggerimenti!

Siete insegnanti? Bene, cercate di trovare il tempo per leggere testi, in classe, ad alta voce.

Siete mamme o papà? Sedetevi con i vostri figli e giocate con le storie, ad alta voce.

Bibliotecari? Organizzate una caccia al tesoro (o qualsiasi altra cosa) con i libri, narrando, ad alta voce.


Librai? Dedicate del tempo ai bambini, ai ragazzi, a chi rappresenta il futuro, programmando degli incontri in libreria, proponendo stralci di libri, raccontando ad alta voce.

La loro attenzione sarà proporzionata al vostro "crederci". Mostreranno interesse, sì! L'importante è mettersi in gioco: non bisogna sentirsi inadeguati o fuori luogo o ridicoli...loro si accorgono se non c'è passione, scarso interesse o poca convinzione.
presa dal web

Devo parte della mia passione per la lettura ad alta voce a Beniamino Sidoti, incontrato molti anni fa durante degli incontri-laboratorio a Bologna, Pescara, in giro per l'Italia ed è colui che mi ha fatto entusiasmare al gioco della lettura. Su alcuni libri, Sidoti ha scritto una dedica particolare: mi chiese quattro parole, le prime che mi venivano in mente e su quelle ha imbastito una storiella che si è trasformata in dedica. Bello no? L'ho fatto con i bambini ed è stato divertente e coinvolgente!

Vi suggerisco:
Lettori in gioco. Manifesto per un movimento di genitori e promotori della lettura di Beniamino Sidoti e Alessandra Zermoglio
Giochi con le storie Modi, esercici e tecniche per leggere, scrivere e raccontare di Beniamino Sidoti
Ri-animare la lettura. Come la lettura diventa piacevole. E divertente di Carlo Carzan e Sonia Scalco





Per un approccio iniziale, alla lettura ad alta voce vi consiglio:

Baby prodigio. I miracoli della lettura ad alta voce di Mem Fox
Leggimi forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura di Rita Valentino Merletti e Bruno Tognolini

Leggere ad alta voce per incoraggiare i bambini ad amare i libri. Una guida semplice, pratica e divertente di Rita Valentino Merletti

Ai bambini piace leggere. I miracoli della lettura ad alta voce.  di Kathy a. Zalher









Spero che quanto ho scritto possa esservi utile. Tutto ciò che ho proposto, tutti i testi che ho indicato li ho letti e li rileggo per nuove ispirazioni!

Sono a vostra disposizione per qualsiasi cosa vogliate chiedermi.

martedì 31 gennaio 2017

Stefania e le letture ad alta voce!

Ho deciso di aprire una rubrica, nuova  per tutti quelli che hanno a che fare con  bambini e ragazzi.
Ho deciso di mettere a disposizione ciò che in prima linea sperimento ogni giorno (ormai da più di dieci anni), in libreria o nelle scuole





quando leggo ad alta voce gli illustrati con i bimbi piccoli piccoli 3,4 e 5 anni, quando presento giocando altri libricini con i bambini delle scuole elementari differenziando le letture a seconda dell'età e quando ho a che fare con i ragazzi delle medie e lì...è tutta un'altra storia!

Imbastisco su misura, un vestito fatto di pagine, di storie, di animali, di mostri, di pirati ,di fate e di tanto altro.

Ho deciso di cominciare questo percorso con gli illustrati, delle vere opere d'arte che piacciono moltissimo ai bambini, ma pochissimo alle mamme. Per approfondire vi consiglio Ad occhi aperti. Leggere l'albo illustrato di Hamelin perché guardare e (è) leggere, come è scritto in questo magnifico libro che vi darà tante informazioni utili. Ecco alcune mie foto.




Lo comprai a Roma nel 2012 in una libreria nei pressi dell'Auditorium Parco della musica, durante la manifestazione Libri come.  Mi ha dato tanto: idee, illuminazioni per dei laboratori e conoscenza. Ah quest'anno la manifestazione Libri come si terrà dal 16 al 19 Marzo 2017




Ecco cosa ho scelto:

Attenzione! Questo libro è pieno di macchie!
Libro di Anna Cairanti e Giuseppe Mazza


È bello sentirsi grande

Libro di Isabella Paglia

Io sono un cerchio... e io un triangolo! Leggi, gioca e impara le forme!



A proposito di illustrati e illustrazioni, guardate qui che opportunità:

9 febbraio - 1° marzo 2017 a Milano
"Artisti e capolavori dell’illustrazione: 50 Illustrators Exhibitions 1967-2016 "
qui tutte le info!



Vi segnalo
http://www.scaffalebasso.it/ Un ottimo sito per bambini, uno dei migliori.
http://zazienews.blogspot.it/ L'almanacco di libri per ragazzi
http://www.storiadellastampa.unibo.it/archinto.html intervista a Rosellina Archinto che per prima ha stampato gli illustrati in Italia.
http://www.robertosconocchini.it/ Maestro Roberto. Tecnologie e didattica.

Se avete bisogno di consigli, se volete mettere del materiale qui nel mio blog o se desiderate scrivermi ecco la mia e-mail libraia71@gmail.com.

Nel prossimo numero parlerò dell'importanza della lettura ad alta voce e proseguiremo con altri libri...