BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

lunedì 3 agosto 2015

Perchè questa scelta...

Piccolo aneddoto: entra in libreria un signora, una turista che mi chiede la disponibilità di  La storia del mantello magico. Ai confini del mondo di Oz di L. Frank Baum

Responsive image


Abbiamo una passione in comune: avvicinare i ragazzi alla lettura stimolando la loro fantasia e la loro creatività. Lei mi racconta di quello che fa a scuola ed è molto presa dal suo lavoro, ci crede,  lo noto dai suoi occhi. 





Così, mi permetto di consigliarle Leggimi forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura.
Lo sfoglia, si sofferma su qualche pagina e sorride. Le piace e lo prende. Mi ringrazia.









Ci salutiamo promettendole che a breve le avrei spedito una lista di libri interessanti ed utili.
Ecco cosa ho scelto:
Ad occhi aperti. Leggere l'albo illustrato. Hamelin
Responsive image 

Raccontare la cultura. L'avventura intellettuale di Tuttolibri (1975-2011) di Anna D'agostino
Responsive image


 

mercoledì 22 luglio 2015

Vince il Premio Bancarella 2015...

...Sara Rattaro con Niente è come te con 77 preferenze.



















Simona Sparaco con Se chiudo gli occhi (76 voti)

















Enrico Ianniello La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin (74 voti)




















Paolo Roversi con Solo il tempo di morire (50)



















Giulio Massobrio con Rex (39)



















Mallock  con I volti di Dio (33)




lunedì 13 luglio 2015

Tutti hanno una storia... e voi?














C'era una bimba che ogni volta che i grandi parlavano si annoiava: non li capiva, e poi sempre arrabbiati, ridevano per cose strane e-ppperò.. e-ccche-è? Non li capiva proprio. Si consolava con il gigante-amico che la seguiva e faceva capolino ogni volta che lei lo voleva.

La bimba si divertiva con i suoi amici, certo a giocare a campana, strega comanda colori, nascondino. Ma la cosa che le piaceva di più era costruirsi delle tende e nascondersi e sparire e sentire che il cuore le batteva fortissimo tapum tapum tapum... un tamburo... sembrava esplodesse boooom. Però le piaceva così tanto. Sapete con cosa costruiva le sue tende? Con  l'involucro scricchiolante dell'uovo di cioccolato queli che si regalano a Pasqua! E poi invitava il suo (solo suo) gigante-amico e parlava, litigava, lo proteggeva e si sentiva sicura. 



All'improvviso, però capì che non le interessavano più i giochi, volere che gli altri si accorgessero di lei, ma non ci riusciva perchè era troppo timida, troppo insicura, troppo imbranata... aveva suo padre che le ricordava sempre quanto fosse speciale, e bella, e unica. Non la viziava, no ma la amava così tanto che a lei bastava e ogni volta anche quando iniziò a crescere e quella bimba divenne donna  lei continuava ad abbracciarlo, a baciarlo per sentire la sua presenza.

C'era una bimba che  con i grandi non si divertiva, con i ragazzi si annientava, con gli adulti si rapportava con successo.



Cresceva con i libri, con le parole e con le storie, con la musica e con il mare...

E voi, mi raccontate la vostra storia? Per conoscervi un po' meglio!