BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

venerdì 12 luglio 2013

Lecce e i Negramaro

Ecco qui l'ultima tappa, la fine del mio favoloso viaggio fatto ormai un mesetto fa... Siamo a Lecce. Partendo da Porta Rudiae ecco la prima chiesetta che si incontra la Chiesa del Rosario












Proseguiamo la nostra passeggiata lungo il corso e sbirciamo tra le viuzze guardate un po' che meraviglia!






Ed ecco arrivati alla piazza del Duomo, una VERA piazza. Sembra il set di un film!







e chi ho beccato? Sì, sono proprio loro: i Negramaro. Erano impegnati in una lunga intervista. Ed allora ho approfittato ed ho scattato un po' di foto anche a loro.













Proseguiamo e troviamo questa botteguccia di cartapesta di Claudio Riso.




Poi la chiesa che, per eccellenza rappresenta il barocco leccese: Basilica di Santa Croce, purtroppo è coperta dalle impalcature.



 Ed arriviamo in Piazza Sant'Oronzo


Mentre ci spostiamo verso il Castello Carlo V dove c'è il Museo della Cartapesta, incontriamo un gruppetto di giovani che suonano.

Questa immagine del Castello Carlo V l'ho presa dal web... non sono riuscita a trovarne neanche una nella mia macchinetta fotografica! Cliccate qui  per un tour virtuale.

e non dimenticatevi il Museo della cartapesta ci sono delle opere davvero incredibili.
Tappa finale Piazza Trecentomila per i leccesi altrimenti chiamata Piazza Mazzini Se cliccate su, trovate un ottimo sito che vi descrive tutto. In questa piazza c'è la "pucceria" migliore del Salento, fidatevi!  Ecco le foto.

Tappa fissa.



e mi raccomando

 non confondete 

la puccia 



 con i pizzi








30 commenti:

  1. ciao Stefania che bella carrellata,complimenti le chiese sono stupende, sia dentro che fuori, un giro turistico dove non manca niente, utile e dilettevole, piu' golosita' finali.)
    Interessante il museo della cartapesta e il negozio. hai trovato pane per i tuoi denti, alla prossima baci rosa, buona serata.

    RispondiElimina
  2. Luoghi incantevoli, e giustamente anche i piatti locali vanno assaggiati :0) sluuuuurp
    Daffo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non conosco la puccia... che carne è??

      Elimina
    2. è una forma di pane

      Elimina
  3. Continuo ad apprezzare molto le foto delle cibarie... :-)

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia!!! questa seconda parte mi ha entusiasmato: stupenda S.Croce e molto bella la botteguccia di carta pesta!!!! l'incontro con i Negramaro poi deve essere stato la ciliegina sulla torta!!! :-) ciao, buona settimana!!!

    RispondiElimina
  5. Che bellissimo reportage e poi che fortuna ad aver incontrato anche i Negramaro ^_^ Mi piace tanto la loro musica e nel contesto del paese è il massimo :-D
    Buon fine settimana cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  6. La capitale dello stile barocco.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  7. buon fine settimana. Super anche queste fotografie.

    RispondiElimina
  8. Bella finale, belle foto inclusi i Negramaro potevi farti fotografare assieme a loro....Grazie della condivisione e volevo dirti che il tuo commento l'ho ricevuto come posta ma non risulta sul blog comunque ti rispondo qui grazie spero che ti piacciano ne pubblicherò altre. Buona domenica bacione.

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo nè puccia nè pizzi...ovviamente assaggerei, son golosissima di roba con pasta di pane e simili! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  10. Bravissima! Gran belle foto, a cominciare dalla scelta dei soggetti :-) Bé... i Negramaro non li conosco granché, a dire il vero :-P
    Mi ha fatto sorridere "la prima chiesetta"... alla faccia della chiesetta! :-D

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
  11. Una città bellissima...complimenti per questo meraviglioso viaggio...
    buona serata e serena domenica...un abbraccio
    lella

    RispondiElimina
  12. NOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!
    Porei morire per una foto dei Negramaro!!!!!!

    RispondiElimina
  13. grazieee per la gita che abbiam fatto con le tue foto e ci hai mostrato le meraviglie di Lecce!!Se passo per la paninoteca ordino già una puccia per me!!!

    RispondiElimina
  14. che bello vorrei visitarla un giorno!

    RispondiElimina
  15. non sono mai stata a Lecce, da Salerno la Puglia non è ben collegata e quindi è una tappa che rimando sempre :(
    sicuramente andrò a mangiare una golosa puccia! e magari anche i pizzi...

    RispondiElimina
  16. grazie per qst'ultima tappa, per i negramaro( !!!!!) e per la sottigliea di non ocnfondere la puccia con i pizzi! :-D

    RispondiElimina
  17. Bellissima città, ma io già lo sapevo perchè ho conosciuto molti leccesi all'università e comunque tutta la Puglia è meravigliosa.
    Un abbraccio
    Sara
    P.S. scusa l'ignoranza ma cosa sono la puccia e i pizzi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono delle forme di pane. Nell'impasto dei pizzi ci sono olive, cipolle alcuni mettono anche le rape o baccala.

      Elimina
  18. che bello *.* quanto mi piacerebbe visitarla! complimenti per il viaggio, mi piace! :) buona domenica!

    RispondiElimina
  19. non conoscevo il museo della cartapesta! chissà che bello! grazie per queste altre foto!
    Baci Baci

    RispondiElimina
  20. Bellissima la tua vacanza!!! Non sapevo esistesse il museo della cartapesta, andrò a fare un tour virtuale in attesa di uno dal vero....
    MGrazia

    RispondiElimina
  21. Che dire cara Stefania,non ti sei fatta mancare niente...ma dico,vieni una volta e chi mi incontri?I Negramaro...ma che fortuna!
    Sei stata anche alla Puccia!
    Tu cosa preferisci,puccia o pizzi?
    A me piacciono i pizzi alla pizzaiola...quelli con le cipolle!
    Hai realizzato un bel tour virtuale!
    Ti auguro una serena settimana
    Letizia.

    RispondiElimina
  22. ma che bei posti..mi manca il Salento..non conoscevo la puccia..ma i Negroamaro si..hihihi..

    RispondiElimina
  23. Buon lunedì Stafania, pensare che alla fine di maggio mi sono fatto il barocco siculo, Ibla, Scicli, Modica e Noto. Dovrò farmi a metà settembre anche Lecce. Viste le tue foto merite una bella volata da quelle parti per almeno 3gg, Mandami un recapito per dormire così faccio due conti. Buona settimana

    RispondiElimina
  24. Il fatto è che, in provincia di Lecce i pizzi li chiamano pucce :)

    RispondiElimina
  25. Ciao, che belle foto, grande Salento; grazie di essere passata da me.
    A presto, Maria Laura

    RispondiElimina
  26. Mi intrometto per qualche chiarimento: le pucce sono pagnotte fatte con farina di grano (non quella 00) e contengono solo olive nere; i pizzi, chiamati in dialetto "pizzionguli" possono essere morbidi tipo panini all'olio o fatti con farina di grano, e in genere contengono: pomodori, zucchine, cipolla, peperoncino. Il baccalà o le rape si usano nelle pittule, un impasto base di farina, acqua, lievito. Tina

    RispondiElimina