BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

lunedì 28 gennaio 2013

A cosa pensate?

Ascoltando questa poesia a cosa pensate? Vorrei saperlo, davvero...



25 commenti:

  1. Voglio che tu sappia
    Una cosa.
    Tu sai com’è questa cosa:
    se guardo
    la luna di cristallo, il ramo rosso
    del lento autunno alla mia finestra,
    se tocco
    vicino al fuoco
    l’impalpabile cenere
    o il rugoso corpo della legna,
    tutto mi conduce a te,
    come se ciò che esiste
    aromi, luce, metalli,
    fossero piccole navi che vanno
    verso le tue isole che m’attendono.

    Orbene,
    se a poco a poco cessi di amarmi
    cesserò d’amarti poco a poco.
    "Se d’improvviso
    mi dimentichi,
    non cercarmi,
    chè già ti avrò dimenticata"

    Se consideri lungo e pazzo
    il vento di bandiere
    Che passa per la mia vita
    e ti decidi
    a lasciarmi sulla riva
    del cuore in cui ho le radici,
    pensa
    che in quel giorno,
    in quell’ora,
    leverò in alto le braccia
    e le mie radici usciranno
    a cercare altra terra.

    Ma
    se ogni giorno,
    ogni ora
    senti che a me sei destinata
    con dolcezza implacabile.
    Se ogni giorno sale
    alle tue labbra un fiore a cercarmi,
    ahi, amor mio, ahi mia,
    in me tutto quel fuoco si ripete,
    in me nulla si spegne né si dimentica,
    il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
    e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
    senza uscire dalle mie.


    (Pablo Neruda, Se tu mi dimentichi)

    Scusa ma l'ho dovuto copiare e leggerla. E scopro che è bellissima...davvero!
    Neruda è il poeta dell'amore....non c'è storia...
    un abbraccio
    .marta

    RispondiElimina
  2. Amore come prigione, un amore egoista che esiste non per l'altro, ma se l'altro lo ammira, lo guarda, lo coltiva. Un amore vendicativo.

    RispondiElimina
  3. La trovo molto bella....in fondo dice una cosa vera, l'amore è sublime e vero se si è ricambiati....altrimenti è solo sofferenza ed è meglio guardare altrove.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  4. fa pensare all'evoluzione dell'amore, che inizia come un sentimento egoista e si trasforma piano piano in dolcezza e appartenenza vera...cosciente...reale...quell'appartenenza che non si può più negare, esiste ogni oltre confine...

    lella

    p.s.
    grazie...un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Mi fa pensare che quando una persona quando ama veramente si dona completamente, vive per amare e per donarsi.

    RispondiElimina
  6. Non sono d'accordo con Neruda quando dice che, se la sua amata d'improvviso si dimentica di lui, l'avrà già dimenticata.
    Se ami una persona, non riesci a dimenticarla in fretta e non ci riesci soprattutto se a un certo punto non ti vuole più.
    Ci pensi e ci ripensi per cercare di capire il perché.
    E' vero, però, che l'amore si coltiva giorno per giorno, perché, se ci si sente trascurati, ci si allontana.
    Ma questo vale per tutti i rapporti e tutti gli affetti.
    A me questa poesia ha fatto venire in mente un'amica che ho perso per strada, perché lei aveva paurosi vuoti di memoria.

    RispondiElimina
  7. e cosa devo pensare....uno dei più grandi poeti del '900; amore, passione,nostalgia!!!

    RispondiElimina
  8. Eccomi Stefania....penso che io e lui abbiamo lo stesso concetto dell'amore...per amare bisogna essere amati, senza mai lasciare che il fuoco si spenga.... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. La trovo bellissima ma io non sono molto obiettivo, mi piacciono quasi tutte le poesie di Neruda. Infatti, ho raccolto nel mio blog quelle che più mi hanno colpito e questa non la conoscevo.
    Ciao buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  10. Una poesia intensa, che spesso amo rileggere, una dichiarazione d'amore che tutte noi vorremmo ricevere, un amore forte, passionale, bisognoso di essere ricambiato...stupenda!!!

    RispondiElimina
  11. grazie Stefania di essere passata da me,è un piacere conoscerti con il tuo delizioso blog e con questa poesia che sa di amore! Mi aggiungo ai tuoi lettori, ti va di contraccambiare? Un abbraccio.... ora mi faccio un giretto qua da te!

    RispondiElimina
  12. Ascoltando questa poesia come del resto tutte quelle di Neruda verrà da pensare a tanti.."vorrei essere poeta anch'io".
    Grazie per la tua visita!

    RispondiElimina
  13. Bellissima mi piace molto!!
    Grazie per la visita!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  14. Oh, e' bellissima! E mi trova concorde! :-) Non credo nell'amore poetico di chi dice di amare sempre e comunque anche quando non e' piu' ricambiato. Quello secondo me non e' amore, e' attaccamento. Il vero amore non sta li' a farsi prendere a calci nelle gengive :-D Il vero amore, in quel caso, a poco a poco si spegne. Cosi' come racconta il poeta ;-)
    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
  15. Penso che sarebbe bello se, una volta capito che l'altro ci ha dimenticate, riuscissimo di colpo anche noi a dimenticare lui. Mi piacerebbe che fosse così, se tutti noi riuscissimo ad amare solo chi ci ama certo non soffriremmo mai.

    RispondiElimina
  16. Ricambio volentieri la visita.....e mi unisco per seguirti.
    Blog MOLTO interessante!!!!!!!
    Buona giornata
    Monica

    RispondiElimina
  17. ciao stefania,grazie mille per il tuo commento e per avermi fatto visita! io non sono una grande lettrice ma questo spazio che hai creato mi piace moltissimo,complimenti e a presto,sabrina!

    RispondiElimina
  18. Amore senza confini, raro.....questo mi fa pensare....ciao Cri : )

    RispondiElimina
  19. Ciao cara, grazie per essere passata da me per un saluto! Tutto bene ti ringrazio, spero anche tu... ascolta, avrei bisogno di contattarti, ma non mi trovo più la tua mail, come posso fare? Puoi scrivermi tu a: lerecensionidichiara@gmail.com
    Grazie, un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ciao, in primo luogo complimenti per il blog e grazie per essere passata da me. Questa poesia mi fa pensare alla volpe e al piccolo principe...boh!? E comunque Neruda mi piace moltissimo, così come tanti poeti latino americani e spagnoli. Ti seguo...mettendoti nel mio blogroll.

    RispondiElimina
  21. Io penso all'amore..che quando è grande non vacilla che per poco..poi ritorna più forte e gagliardo, ad abbracciare il futuro, insieme per la vita.
    Graditissima la poesia di Neruda che amo molto. Buona domenica :)

    RispondiElimina
  22. vivere l'amore, ricordare gli sguardi e i sorrisi d'intesa, dopo 48 anni di matrimonio in cui la tenerezza si è sostituita alla passione...fa bene al cuore! Ciao

    RispondiElimina
  23. Questo Dio che celebro nelle mie carte, io lo vedo presente per tutto. Lo vedo nei
    fiori del mio giardino, dalla luce che sprizza sulle mie pupille, nell’aura che m’imbalsama
    la vita, lo tengo in quest’anima mia.
    F. BACONE
    E' il titolo del tema che ogni anno davo ai miei nuovi alunni del liceo.

    RispondiElimina
  24. ciao
    bella e profonda poesia. Molto bravo Neruda. Amore un grande sentimento, sentimento che va coltivato ogni giorno, mai vivere nella monotonia. Ama senza mai soffocare l'altro.

    RispondiElimina
  25. Penso ad una panchina vuota, al rumore di quei pensieri, che non vanno mai in ferie...

    RispondiElimina