BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

mercoledì 15 ottobre 2014

Cinque parole, un'immagine e il vostro estro...

silenzio      guardai      con     tuttavia      infinito


Non sono impazzita eh! Scriviamo qualcosa insieme? Cosa vi ispirano queste cinque parole e l'immagine? Scrivetemelo nei commenti, date sfogo al vostro estro e alla vostra fantasia. Dai, cimentiamoci in questa bella avventura. Ci sarà una sorpresa... 

Vi piace quello che ho scritto?
All'improvviso andò via la luce e nel silenzio della mia camera iniziai ad annaspare nel vuoto. Dovevo concentrarmi, gli occhi non restituivano alla vista, le immagini delle cose che mi circondavano tuttavia ero in luogo a me familiare: a sinistra la porta, poi la libreria, la scrivania (dov'ero seduta) più in là il letto. Eppure non riuscivo ad alzarmi. Barcollavo nell'infinito assurdo dei miei sensi...Guardai verso la finestra e, per fortuna, un po' di luce notturna filtrava attraverso le tapparelle, gli occhi si stavano abituando al buio. Con calma provai a tirarmi su...

33 commenti:

  1. Sono la prima, ma incoscientemente mi butto... Il gioco è stuzzicante e ci provo anche se ciò che ho composto è banale, io non so mica scrivere bene...Scusa se ho preso spunto dal tuo testo che invece trovo intenso e coinvolgente, complimenti!

    Quando la luce andò via, il silenzio diventò palpabile. Le parole sgorgavano sul foglio come un fiume in piena, tuttavia il silenzio non si riempì. Tendendosi nell'infinito divennero fili per congiungersi con esso, ma poi ricaddero sulla pagina. Le guardai con compatimento...come può l'uomo parlare del mistero della vita?

    ...e vergognandomi ti saluto, ciao!

    RispondiElimina
  2. Sono priva di qualunque ispirazione...

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  3. silenzio.....mi guardai intorno e con occhi deliziati vidi davanti a me il mare..meraviglioso , calmo, una dolce carezza di infinito....tuttavia ebbi il coraggio di voltarmi e andare via.....Lory

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    ho letto il tuo invito da Lella e mi sono aggregata a questo accattivante gioco, è bello giocare con le parole, e la fantasia, così, per provare!

    "Un fragore assordante scuote il silenzio in un baleno di luce violaceo e poi una scroscio di pioggia che sembra infinito avvolge la notte. Buio pesto tutto intorno, ma tuttavia guardai la finestra ricamata di rivoli di pioggia con l'orecchio teso al rumore improvviso là fuori..."

    Ciao, ritornero a vedere cos'è successo:-))
    Fata C



    RispondiElimina
  5. Ciao, eccomi a provare a rispondere al tuo piacevole invito.

    "Nel silenzio del mio cuore la Parola fece luce in me, guardai
    tuttavia con stupore e meraviglia l’infinito che mi circondava.
    Speriamo bene!
    Un caro saluto.
    Dani

    RispondiElimina
  6. Mi piace! Fino a quando si può scrivere ? Domani parto per Berlino fino a martedì e vorrei concentrarmi un pochino per farlo!

    RispondiElimina
  7. Scrivo prima di leggere gli altri commenti, poi pubblico, poi sprofondo nella vergogna....

    "L'infinito silenzio
    risuonò,
    con ritmo costante,
    nel buio
    del mio cuore,
    tuttavia
    una debole luce di candela
    mi diede speranza
    e guardai verso il futuro."

    RispondiElimina
  8. "Ti GUARDAI CON INFINITO SILENZIO, TUTTAVIA..."
    Mi piace giocare con le parole. Mi piace il nome del tuo blog.
    A presto, Es.

    RispondiElimina
  9. Cavoli...io ho ancora i miei tre parole in sospeso da 5 anni...però mi piace questa proposta...

    RispondiElimina
  10. La tua immagine mi ha ispirato. Ecco carissima quello che sono riuscita a partorire.

    Nel "silenzio" che mi circondava ascoltai quella musica lontana, struggente fino a far male al cuore. "Tuttavia" dovevo andarmene. L'aereo non mi avrebbe atteso.
    A breve l'ansia mi avrebbe travolto per quell'"infinito" desiderio di ritrovarlo, ora che l'avevo perduto. Mi alzai "con" un moto di insofferenza al pensiero di lasciare la mia casa, il calore di quella candela che lasciavo sempre accesa sullo scrittoio, per buttarmi alla ventura. Presi la borsa, aprii la porta di casa e me ne andai.

    RispondiElimina
  11. il silenzio era profondo quella notte e rimasi a guardare l’orologio bianco su sul campanile con uno strano freddo addosso, più provocato dall’incertezza che dal clima.
    Pioveva da prima ma tuttavia la mia attenzione alla piena del fosso che non mollava e il sorvegliato speciale era il ponte che collega mia borgata alla statale.
    L’acqua scendeva con forza e violenza trascinando ramaglia tronchi e interi alberi che per adesso riuscivano a passare sotto il ponte. Il lampione illuminava giusto quel tratto e sembrava che la corrente non mancasse anche se temevo una imminente interruzione. La pioggia sembrava non finire e infinita era mia preoccupazione. Ancora una mezzora poi Giovanni mi avrebbe dato il cambio.
    5 parole per testimoniare e descrivere una notte di allerta nella mia borgata Andrea il montanaro

    RispondiElimina
  12. Buon pomeriggio Stefania.
    Grazie per essermi venuta a trovare e soprattutto per avermi invitata in questo tuo bellissimo posticino.
    Ho letto ciò che ci hai proposto...mi divertono molto questi giochini, quindi verrò di nuovo e provero` a partecipare.
    Ma ti avverto, sono inesperta e principiante nella scrittura, quindi non giudicarmi con troppa severità.
    Mi vergogno tantissimo ma ce la metterò tutta.
    Ciao.

    RispondiElimina
  13. Ecco cara Stefania cosa mi ha ispirato la foto e le parole...
    "Nel buio, nel silenzio della notte
    ero lì a lume di candela.
    Guardai il quadernetto aperto,
    vicino la tisana fumante
    che emanava vapori di spezie...
    un profumo di ricordi
    mi invase l'anima.
    Tuttavia con un infinito sospiro
    mi persi nell'infinito fine
    dei miei mille pensieri..."

    RispondiElimina
  14. Eccomi di nuovo, buonasera Stefania.
    Questo è ciò che è venuto fuori:

    "Scrissi in silenzio qualcosa,
    poi scorsi...non so cosa.
    Un movimento leggero,
    nella luce fievole e calda di una candela.
    Guardai meglio,
    sembrava una falena,
    era veloce, troppo veloce e leggera.
    Un'esserino piccolo e grazioso con splendide ali argentate,
    si agitava davanti al mio incredulo sguardo.
    Sorrise, mi guardo` e pensai: ma sarà vero!
    Tuttavia era lì, davanti a me.
    Fece un fulmineo giro nell'aria,
    Attraverso` la finestra e poi sparì,
    nell'infinito, buio cielo."

    Grazie, spero di non aver errato troppo, comunque sia mi sono davvero divertita.
    Ciao ed a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami mi sono accorta di una cosa, attraversò è con "a" minuscola.
      Spero sia l'unico errore, ciao.

      Elimina
  15. Si resta muti e paurosi nel buio improvviso
    Ma il cuore che illumina ogni cosa, non teme oscurità
    Buon fine settimana, Stefania
    Eloisa

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Ci provo, Stefania...

    Silenzio, infinito e punteggiato di diamanti era il cielo sopra i monti; tuttavia guardai giù tra l'erba una lucciola che brillava con la luce di una stella.

    (Scusa, m'ero scordata una parola, prima!)

    RispondiElimina
  18. Non sono una romantica di poesia anche se un'alba o tramonto, un paesaggio particolare suscitano in me un pizzico di romantico. Più che io gioco ritengp le definizioni espressione del proprio io con emozioni ecc.
    Guardai non è il mio tempo, io GUARDO tutto quello che mi circonda sempre CON curiosità e ricerca in una risposta.
    TUTTAVIA quando da uno scoglio attendo che il tramonto mi circondi con la sua luce e mi sembra che il panorama diventi
    INFINITO perchè non vedo più il delinearsi dell'orrizzonte, e il SILENZIO di quell'attimo è rotto dal canto improvviso dei piccoli essere viventi che iniziato la loro giornata...pardon la loro notte.
    Ho descritto quello che faccio sempre ed un tramonto veramente passato su uno scoglio di tanti anni fa.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  19. "Nel silenzio della sera guardai con stupore il cielo nuvoloso e scuro che prometteva un temporale. Il buio tuttavia non mi faceva paura perchè mi dava una grande sensazione di infinito..."
    Dimmi ho vinto qualcosa? Dopo questa fatica... un premio ci starebbe bene, non credi? Ciao

    RispondiElimina
  20. Ricordo bene quella casa in mezzo ai prati coi muri fatti di sassi anziché CON i mattoni. Qui viveva il bimbetto Costantino. Non c'erano comodità, TUTTAVIA vivevo felice.
    In quella notte tra le più calde d'estate il SILENZIO venne infranto da un temporale dal fragore INFINITO, che mi mise paura.
    Mia nonna corse a staccare la corrente ed accese un'unica candela.
    Quando il buon Dio volle, tutto finì, ed andai a dormire.
    Il mattino seguente, alle prime luci di un'alba ancora imbronciata, presi coraggio e GUARDAI fuori dai vetri.Il cielo era ancora plumbeo ed una sola stella luccicava con un fulgore mai visto.

    RispondiElimina
  21. Sono fuori fase e passo la mano agli altri.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  22. Mi piace moltissimo scrivere…solo che mi manca il tempo..ma se trovo 10 minuti…lo farò!
    Cinzia

    RispondiElimina
  23. Gioco anch'io?
    -"Una candela bruciava sul tavolo,una candela bruciava.."
    In silenzio mi avvicinai al libro,guardai meglio,era un quaderno.Forse era qui che Boris annotava le sue poesie?La candela illuminava appena le pagine,tuttavia la curiosità era forte,iniziai a sfogliare,c'erano versi bellissimi altri appena abozzati,parole,macchie d'inchiostro,la grafia minuta a volte si fermava,incerta,per riprendere,scorrevole e fluida come un torrente in piena,spesso interrotta da disegni minuti e strani. Sfogliai quel magico quaderno,per un tempo infinito,nella tazza la tisana era fredda,l'alba mi colse,con la sua morbida luce ,dissipando la magia di quella candela,ora inutile

    RispondiElimina
  24. Avevo trovato, in un luogo, dove il silenzio riempie le stanze un vecchio manoscritto medioevale.Stupore e gioia. Cominciai a sfogliare le pagine con infinita precauzione e guardai le meravigliose antiche immagini. Si fece buio nella biblioteca, senza accorgermi il tempo era trascorso tuttavia un mozzicone di candela era appoggiato su di un tavolo. Accesi la candela con la speranza che un colpo di vento non la spegnesse. Mi avvicinai alla finestra, scostai la tenda e guardai l'infinito cielo dove il Signore, padrone del mio cuore, aveva appeso le stelle. Ritornai al manoscritto e seduta sul pavimento, sempre vicino alla finestra, ripresi, con emozione, in mano il manoscritto. Piano piano mi addormentai, sognando un mondo più bello!

    RispondiElimina
  25. Ne approfitto e provo a cimentarmi prendendo come spunto il mio ultimo post su Bertoli!

    C'era un forte silenzio in hotel a Formigine, per cui si riuscivano a percepire benissimo i ronzii, uno alla volta, di quelle maledette 4 o 5 zanzare che non si sapeva dove si nascondessero! C'è voluto tempo per liberarsene. Tuttavia il pensiero di quello che sarebbe accaduto il giorno dopo minimizzava questo fastidio a causa dell'infinito calore che i ragazzi che stavamo per vedere ci avrebbero riservato! Non ci eravamo sbagliati! Quando li guardai uno per uno notai quanto affetto ognuno di loro era capace di dare. Con Alberto Bertoli alla chitarra e altri amici ad accompagnarlo non potevamo sperare in una domenica più bella!

    RispondiElimina
  26. Ci riprovo:

    Notte.
    Il Destino nuovamente
    si apre ad una nuova vita.
    Il silenzio della casa odorava di pensieri..
    E' l'alba di un nuovo giorno.
    Guardai dalla finestra.
    Mille tenui colori riempiono l'infinito cielo.
    L'orologio m' insegna che il tempo
    in cui un piccolo Luca
    donato da Dio
    si sarebbe affacciato
    alla vita,
    al mondo,
    con i suoi infiniti problemi
    era ormai giunto.
    Tremo d'ansia e tuttavia mi vestii
    per incontrare
    la vita che si rinnova.

    RispondiElimina
  27. Ciao Stefania, grazie per essere passata da me, raccolgo l'invito e questo è quello che le tue parole mi hanno ispirato:
    …Con gli occhi del cuore, guardai nel silenzio infinito della mia anima.
    Era buio, tuttavia una luce mi illuminò la via…
    Baci Antonella

    RispondiElimina
  28. Non ho letto gli altri commenti per non essere influenzato (andrò a leggerli subito dopo). Mi ha incuriosito e attratto questa tua iniziativa. Ho lasciato davanti a me la foto, mi sono lasciato andare e...sai che io scrivo solo di poesia...ed ecco cosa mi han suscitato foto e parole...


    Nel SILENZIO
    della sera
    GUARDAI la danza
    della fiammella della candela
    accattivante e sinuosa.
    Rilessi
    gli ultimi versi scritti,
    ripresi la penna a sfera
    abbandonata CON sdegno
    la sera precedente
    per non aver saputo con lei
    comporre alcun verso suadente.
    L'emozioni erano ancor gelate
    da un'impietosa apatia,
    la mano riprese a scrivere
    ....TUTTAVIA
    rime dettate dal tuo ricordo,
    che quando il pensiero m'invade,
    m'invola verso l'INFINITO
    ...in un'estasi senza ritorno.


    se ti va...metti tu il titolo.

    Ciao

    RispondiElimina
  29. entrando qui da te mi sembra di sentire quell'odore gradevole dei libri nuovi...
    ciao Stefania, buona serata

    RispondiElimina
  30. Ciao!!! Ma che bello! Grazie per avermi fatto conoscere il tuo blog e questa iniziativa che mi sembra veramente diversa ed interessante. Mi sono subito aggiunta ai lettori fissi.
    Non so cosa ne è venuto fuori ma ci ho provato!


    Raggiunsi in punta di piedi lo studio. SILENZIO.
    Dalla porta scorsi il suo diario aperto, illuminato dalla luce fioca di una candela.
    Non sapevo quanto tempo avessi, TUTTAVIA provai a farmi forza; non avrei avuto un'altra occasione per capire cosa mi stesse nascondendo.
    GUARDAI da una parte all'altra del corridio per assicurarmi che nessuno fosse in arrivo.
    Mi intodussi furtivamente in quella stanza buia e, per un momento che mi sembrò INFINITO, trattenni il fiato CON tutta la determinazione che il mio corpo riuscì a trovare in quel momento. Ero quasi riuscita nella mia impresa, quando sentii dei passi. In un primo momento non capii poi la paura si impossessò di me senza quasi lasciami respirare. Era finita...

    RispondiElimina
  31. Ho letto dei commenti bellissimi!. Non mi piacciono le classifiche, ma....un piccolo giudizio...no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò prestissimo...e ci sarà anche una piccolissima sorpresa!

      Elimina