BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

giovedì 27 settembre 2012

Scarabocchio

"Come lo vedi il disegno del nostro destino futuro?"
"Uno scarabocchio."


Penso: "Però, è pur sempre un disegno!" e rido. 
Non nero, ma a colori.


A titolo informativo lo scarabocchio di un bimbo dice tante cose, ecco come interpretarlo.
Legenda:
M=area materna, dimensione del bambino;
P= area paterna, dimensione del figlio;
M1=il luogo della tradizione, preferito dai melanconici;
P1=il luogo dell’innovazione, preferito dai fantasticatori;
P2=il luogo dell’avvntura, preferito dagli entusiasti;
O=doppio valore: costrizione ed espansione;
M0=angolo materno: luogo di chiusura che indica inibizione sul piano della crescita;
P0= angolo paterno: luogo di chiusura che indica inibizione sul piano morale;
T=tana o rifugio, preferita da chi ha sviluppato una falsa immagine di sè;
U=uscita o buca, il luogo della resa e della rinuncia.

Cliccate qui se volete approfondire!
(immagini prese dal web) 

 
Intanto io medito e vi consiglio 
Non sono scarabocchi 
di Crotti Evi - Magni Alberto 
edito da Mondadori   
€ 8,50



42 commenti:

  1. Adorabili bambini.
    Disegno spesso con i miei nipotini, e li incito a scarabocchiare... li vedo sempre entusiasti dei loro capolavori, e lo sono anch'io.

    RispondiElimina
  2. è sempre un piacere passare da te...si imparano tante cose...Lory

    RispondiElimina
  3. Davvero stupendo! I bambini sanno sorprendere sempre!:)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Grazie per la scoperta di oggi Stefy, è sempre un piacere!
    un bacione!

    RispondiElimina
  5. e io che pensavo che uno scarabocchio fosse... uno scarabocchio!!!

    RispondiElimina
  6. Tutto ha un senso e un perchè, anche uno scarabocchio.
    Un abbraccio, Antonella

    RispondiElimina
  7. Molto interessante, buona serata!

    RispondiElimina
  8. bello...interessante...
    buona serata!
    lella

    RispondiElimina
  9. Scarabocchi interessanti! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  10. Cercare di comprendere l'intima essenza di un bambino, attraverso le sue espressioni grafiche, è sempre un'esperienza affascinante.

    RispondiElimina
  11. Il primo sembra il disegno di un cervello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho avuto lo stesso pensiero di Baol

      Elimina
    2. Mi sa che quel cervello è il mio.

      Elimina
  12. Hai fatto un post che costringe a meditare anche i tuoi visitatori:)

    RispondiElimina
  13. Intressantissima la cosa,copio incollo e stampo. Sarà una velina da sofrapporre ai disegni della mia piccina chi sa?
    Spero che il mio angolo non sia completamente vuoto.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  14. Direi illuminante. Anche se a volte mi chiedo perchè uno scarabocchio non possa rimanere semplicemente tale, senza troppe interpretazioni...
    E comunque, credo che i disegni dei bambini di oggi rivelino molte cose, forse meriterebbero un'occhiata meno distratta.

    RispondiElimina
  15. Io la penso un po' come Monica... ma siamo sicuri che uno scarabocchio ci possa SEMPRE rivelare qualcosa? Sì, nel disegno, certo... ma nei ghirigori... Uhm, sono un po' perplessa...

    RispondiElimina
  16. Mumble...
    Disegno di mio figlio piccolo, il titolo è "la mia famiglia fatta di animali".
    Lui è una tigre, papà un orso, il fratello un leone.
    Io... uno squalo!
    AIUTO.

    RispondiElimina
  17. Ciao Stefania, ti lascio il mio saluto e ripasso stasera perchè voglio leggerlo con calma!!
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  18. Con mio grande dispiacere, mio figlio disegna pochissimo...

    RispondiElimina
  19. Fantastica questa interpretazione...stasera voglio studiare qualche disegno di Sapientina!!!

    RispondiElimina
  20. Ciao Stefania, complimenti splendido blog! Mi sono unita ai lettori fissi :) Mia figlia disegna molto e a colori, fortunatamente!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  21. Lo scarabocchio di un bimbo ? Io disegno esattamente così :)
    Complimenti per il blog .)

    RispondiElimina
  22. Ciao Stefania!
    caspita, ma allora uno scarabocchio rivela molto..non lo sapevo!!
    grazie dell'interessante post ;)

    RispondiElimina
  23. Ciao Stefania! Grazie per essere passata da me, mi piacerebbe averti tra i miei sostenitori!! Interessantissimo questo post, certe cose a cui non diamo importanza a volte rivelano moltissimo!!!
    A presto!!
    Franci

    RispondiElimina
  24. Condivido quanto detto da Baol, anche a meè parso assolutamente essere un cervello!
    Post molto interessante, adesso vado a leggere anche gli arretrati
    (avevo qualche problemino, che si va risolvendo, con la vista).

    RispondiElimina
  25. Anche il più semplice degli scarabocchi, può rivelare molte cose!
    Cinzia

    RispondiElimina
  26. Ciao, molto interessante il tuo post....quante cose si possono imparare anche da un semplice scarabocchio!!!
    Baci

    RispondiElimina
  27. Interessantissimo questo post!
    Ps: ti ho scritto una mail.. attendo le tue idee! ^_^

    RispondiElimina
  28. Davvero interessante.Da un disegno si possono capir molte cose dei bambini ma non sapevo che c'era questo schema con tanto di leggenda.
    Il primo disegno sembra proprio un cervello, magari il bambino che l'ha fatto diventerà neurologo chissà XD
    bacioni

    RispondiElimina
  29. Mi ha sempre incuriosito l interpretazione dei disegni dei bambini! Ricordo ancora un disegno che feci relativo alla mia mamma e la disegnai con le gambe blu elettrico...la maestra mi richiamò per chiedermi il perché ed io risposi che la mia mamma era modernissima perché portava i collant colorati...a pensarci mi viene da sorridere, perché erano gli anni 80 e la mia maestra quasi allibita volle chiedere conferma a mia mamma (pensando fosse una mia fantasia) ..all'uscita di scuola....mia mamma mi aspettava con la sua gonna e i suoi bei collant blu elettrico!

    Scusa la mia risposta lunga, ma adoro questo tuo post!

    RispondiElimina
  30. Ma... come vedi ti avevo commentata poco più su...

    RispondiElimina
  31. Cara Stefania,
    passare per commenti si fa rarefatto man mano che aumentano gli incontri e man mano che diminuiscono le forze. Passando questa volta sono rimasto sorpreso di questi segni, un po' come la mano che percorre il flusso aggrovigliato dei pensieri. Molto tempo fa avevo realizzati qualcosa di simile che ho chiamato "l'io", appena lo inserisco sul blog te lo segnalo.
    ciao

    RispondiElimina
  32. Ciao Stefania, è interessante davvero! Quante dinamiche sottendono ai segni più spontanei...Complimenti per il tuo blog. Mi piace molto!

    RispondiElimina
  33. Ciao Stefania, grazie per aver condivido questo "grafico"!
    una volta me ne avevano spiegato uno, ma poi ho dimenticato... ora mi hai dato la spinta per studiare un po' l'argomento, che mi interessa parecchio!

    RispondiElimina