BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

martedì 8 maggio 2012

Frammenti di pensieri vaganti

Le cose stanno cambiando. La libreria presso cui lavoravo da circa sei anni, ha chiuso ed io sono stata licenziata. Ora, però, sembra che ci sia un piccolo spiraglio... E, nonostante Moccia sia diventato sindaco di un paesino che verrà trasformato in comune dell'amore, sono ottimista. 

Sono burbera e questo mio atteggiamento ha provocato un fraintendimento nei confronti di una persona che si è sentita offesa e "abbandonata". Oggi riflettevo sull'atteggiamento di un mio amico che palesemente ha cambiato modi di fare nei miei confronti perchè era in compagnia, ma io non mi "arrabbio" mica, è un suo grande limite!


Oggi una bimba mi ha detto: "Quando sono a letto con mamma, lei è sempre al computer e io vorrei tanto un abbraccio". In quel momento avrei voluto abbracciarla forte forte, ma non l'ho fatto perchè non sono tipa da moine. E forse anche con i rapporti interpersonali uso poco i fronzoli. Comunque vi segnalo questo libro 1001 libri da leggere prima di diventare grandi una carrellata di titoli-capolavori, sapientaemente elencati. Per ogni libro infatti, c’è una scheda tecnica che riporta non solo la trama e qualche particolarità o curiosità del testo, ma anche il titolo originale, la nazionalità dell’autore, i temi trattati Il volume è diviso secondo fasce di età 0/3 3/4 5/7  8/11; 12+ ognuno con un colore diverso. Davvero completo.



Venerdì parto, vado a Torino al Salone del libro. Al mio ritorno metterò foto, posterò curiosità e vi racconterò le mie impressioni.

29 commenti:

  1. ti aspetto al ritorno dal Salone per le novità...

    RispondiElimina
  2. a presto...
    un abbraccio
    lella

    RispondiElimina
  3. Venerdì sarò anch'io a Torino!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao, buon we , aspettiamo che ci racconti tutto. Ciao, Antonella

    RispondiElimina
  5. eh... almeno i cattivi scrittori da ipermercato si dedicassero tutti SOLO alla carriera di sindaco... anche l'italiA ritornerebbe a mettere in circolo libri di veri Scrittori, e le piccole librerie non chiuderebbero...

    RispondiElimina
  6. Innanzi tutto in bocca al lupo per un nuovo lavoro....
    e continua ad essere ottimista...si ha sempre una marcia in più...
    Attendo notizie da torino, io sabato faccio uno spettacolo inn una corte magica...:-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefania, ti auguro che lo spiraglio diventi un varco e goditi il Salone del libro!

    RispondiElimina
  8. mi dispiace molto per il tuo lavoro, ma fai bene ad essere ottimista....dalle mie parti si dice "si chiude una porta e si apre un portone" ti abbraccio Lory

    RispondiElimina
  9. ti auguro sinceramente che lo 'spiraglio' diventi una realta' concreta
    ciao

    RispondiElimina
  10. Bello qui!!! :):):) Sei molto brava ad esprimere i tuoi pensieri!

    RispondiElimina
  11. questa crisi è devastante....anche io sono stata decurtata del lavoro, le mie ore sono ridotte ad un part time....forza!!!

    mi raccomando resoconto dettagliato del salone del libro

    RispondiElimina
  12. Wow, il salone del libro!!! Poi ci racconterai vero?
    Cinzia

    RispondiElimina
  13. Ciao Stefania, ti aspettiamo al ritorno dal salone del libro.
    Mi sa comunque che Zio Scriba abbia ragione.
    Un grande abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  14. Odore di carta....uno dei migliori che io conosca.
    :o)

    RispondiElimina
  15. Spero tanto che lo spiraglio di cui dici diventi una lunimosa porta spalancata sul futuro. Questo post è molto bello ed intenso. Sincero. Andare a Torino porterà fortuna. Anche a me piacerebbe andarci ma non posso... perciò attendo il tuo resoconto, grazie!
    Baci e... buon viaggio!

    RispondiElimina
  16. Stefania divertiti e annota tutto che voglio la cronaca al ritorno..son di Torino ma non potrò andare, mi affido a te. Un bacione e complimenti per il blog :-*

    RispondiElimina
  17. ...mi dispiace....certe volte con il lavoro si perdono anche amicizie o conoscenze che aiutano in questo cammino di vita....Coraggio...Se tu sei così non cambiare.... le persone devono accettarti per quello che sei.....Notte serena... facci sapere...:)))))

    RispondiElimina
  18. Grazie per la visita,ho notato che il Salento lo ricordi bene,anche il leccese.In bocca al lupo per tutto,buon fine settimana,Letizia.

    RispondiElimina
  19. E' una settimana che vedo collegamenti dal salone del libro.
    Sono curioso di sentire i tuoi commenti.
    A presto.

    RispondiElimina
  20. E' durissimo perdere il lavoro e io ti auguro che lo spiraglio diventi una porta aperta.

    RispondiElimina
  21. Volevo tanto andare alla fiera del libro, ma con la scuola non si può :(
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. Stefania sarai burbera come dici ma dai tuoi scritti traspare tanta sensibilità. La gente purtroppo si ferma alle apparenze.
    Auguroni per tutto e divertiti a Torino.
    Buon fine settimana.
    Sabrina

    RispondiElimina
  23. Stefania spero che tu riesca a risolvere il problema del lavoro..che lo spiraglio diventi luce.
    E aspetto le notizie dal salone , deve essere bello.
    Un abbraccio e serena settimana
    Magda

    RispondiElimina
  24. Che tenera sei!
    Ti auguro ogni bene.
    Ciao.

    RispondiElimina
  25. mi trovo in una situazione simile. Forse peggio perchè non mi so "pubblicizzare" tanto bene. Almeno non sono disposto a tutto pur di arrivare. La notizia di Moccia sindaco è stato un colpo tremendo, concordo in pieno con te. Che pena veder accostare l'amore a operazioni di così bassa lega... ma vabbè, accontentiamoci, non sono questi tempi da eroi. In fondo ciascuno ha sempre ottimi e profondissimi motivi per scusare le proprie debolezze ed errori, bisogna accettare tutto.

    RispondiElimina
  26. mi trovo in una situazione simile. Forse peggio perchè non mi so "pubblicizzare" tanto bene. Almeno non sono disposto a tutto pur di arrivare. La notizia di Moccia sindaco è stato un colpo tremendo, concordo in pieno con te. Che pena veder accostare l'amore a operazioni di così bassa lega... ma vabbè, accontentiamoci, non sono questi tempi da eroi. In fondo ciascuno ha sempre ottimi e profondissimi motivi per scusare le proprie debolezze ed errori, bisogna accettare tutto.

    RispondiElimina