BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

lunedì 8 febbraio 2016

leggere, lettura, libri = passione








 
 E così il dialogo più importante della tua vita si svolge con gli autori dei libri che leggi. Anche se non sono presenti , essi diventano la tua comunità

Jonathan  Franzen



5 commenti:

  1. Può succedere,e non vorrei.Amo i libri che scelgo di leggere,i loro autori,le storie che mi coinvolgono.
    Ma poi torno a vivere la mia realtà preparandomi a cercare nuove emozioni,nuovi coinvolgimenti, nuovi autori.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione un colloquio che conduco mentre lavoro e rielaboro mentre lavoro. Capita anche questo ma il libro che sto leggendo da gli imput giusti. Sempre più rari questi scrittori che offrono questo. Le variabili comunque in un dopo lettura sono tante.Buona quaresima

    RispondiElimina
  3. Quanto sono vere le parole di Jonathan Franzen!
    A volte ho la sensazione che, mentre gli amici sono fuori di me, i libri che ho letto sono dentro di me.

    RispondiElimina
  4. I libri hanno una sola utilità: quella
    di riempire il conto in banca di chi
    li scrive

    RispondiElimina
  5. oh bè sentissi che chiacchiere vengon fuori con i portagonisti dei libri allora! :D

    RispondiElimina