BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

sabato 7 dicembre 2013

Una semplice domanda?


Una semplice domanda: come vi state preparando per il Natale? Per voi è la festa di Babbo Natale o la nascita di Gesù Cristo? Cosa farà la differenza quest'anno? Vi va di festeggiarlo? Cosa c'è nel vostro cuore? Canzoncine, lucette e regalini?



25 commenti:

  1. Ciao, per sapere come mi sto preparando al Natale ti invito da me at the Reveries'.
    Troverai l'unico cambiamento dei miei soliti festeggiamenti. Infatti, sono rimasti i bellissimi soliti dolci, le luci,il presepe e l'albero di Natale, lo shopping ridimensionato e l'attesa del rientro dei miei figli e della mia "angioletto". Si può facilmente immaginare cosa c'è nel mio cuore?
    Ti aspetto :-)

    RispondiElimina
  2. Passa a vedere il "mio" calendario dell'Avvento. Sono contro il consumismo, la corsa ai regali a tutti i costi, lo sperpero di soldi. I regali li faccio da me, gli addobbi pure e mi basta poco per fare tanto. Questo Natale poi è una cosa solo mia, farò, per quieto vivere le solite cose che non mi piace fare, ma quello che sento è solo mio. Buona serata. Tina

    RispondiElimina
  3. Sono ateo. E lavoro tanto, soprattutto a dicembre. E sono pure stanco

    il natale per me e' solo riposo e 4 regali da fare.

    RispondiElimina
  4. Anche a me non piace la corsa agli acquisti. In famiglia abbiamo bandito i regali, restano solo quelli delle mie nipotine perché ancora sono piccole. Si, per le strade c'è allegria, ma è un po' falsa, perché è finalizzata a stimolare le vendite.

    RispondiElimina
  5. Ogni anno mi rendo conto che prevale solo il consumismo chi fa e riceve più regali chi illumina meglio la casa per far invidia ai vicini...non sono praticante ma se solo tutto si limitasse ad andare ad una messa a mezzanotte per celebrare un evento che ben pochi ricordano non sarebbe un vero Natale ?

    RispondiElimina
  6. Ogni anno è sempre più in discesa libera. Natale è solo vacanze, regali e lucine. In realtà poni il quesito a te stessa, e vorresti essere tranquillizzata. Ma se la domanda fosse veramente semplice anche la risposta sarebbe ovvia. Sai cosa potrebbe fare la differenza? Smettere di parlarne. Ora ti saluto che c'ho da fa il presepe...

    RispondiElimina
  7. Beh... c'è una terza opzione: sospensione delle attività didatiche, cui consegue il ritorno ai miei lidi lontani e quasi africani (il quasi è lì solo per convenzioni amministrative); per il resto libri, teatro, mostre e, ovviamente, tanto, tantissimo pesce fresco e vino contadinesco come se piovesse. :-)

    RispondiElimina
  8. Io sono credente e quindi è innanzitutto la nascita di Gesàù Bambino, ma per i miei piccoli c'è anche babbo Natale che fa capolino ;-)
    Quest'anno sarà triste un pò, dato che per la prima volta oltre ai miei genitori mancherà all'appello mio suocero (morto improvvisamente a luglio scorso) ma almeno staremo insieme a chi è rimasto e sarà comunque un momento di unione.
    Tanti soldi per fare grandi cose non ci sono ma a me non pesa, preferisco le cose semplici :-)
    Abbraccio, ciao.

    RispondiElimina
  9. il natale a me piace sempre, da sempre! Non potrei farne a meno! ne ho una visione un po' laica ma comunque la magia religiosa mi affascina!!

    RispondiElimina
  10. Il Natale è un insieme di tutto...la festa della nascita di Gesù, ma anche luci, atmosfere incantate, Babbo Natale, regali e pensieri fatti con il cuore!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Per me Natale sono le vacanze nel periodo più buio quando c'è maggior bisogno di un po' di luci e colori per affrontare l'inverno. Un punto di vista molto pagano insomma...

    RispondiElimina
  12. Il Natale è sempre stata, per me, l'occasione per rivedere persone care, per scambiarci dei pensieri più o meno importanti, niente di sacro, quindi; apprezzo anche le cene prenatalizie scambiate tra amici.
    Ora i doni sono molto più modesti per gli adulti, perchè indirizzati alle nipoti.
    Tempo fa era un'occasione per fare dei viaggi, ora si sta a casa, anche perchè non lascerei mai il cane, sprecando il tempo che mi resta da vivere con lui.
    Cristiana

    RispondiElimina
  13. Per me il Natale è stata la festa da passare in famiglia, come tale non sempre la benvenuta (dipende dal periodo...). Poi è diventata... una festa che mi permetteva una settimana di ferie :-D Questo perché i miei non c'erano più e non festeggiavo con gli altri parenti con i quali non ho mai avuto un grande rapporto, al massimo con amici. Qualche anno fa pero' entrai a far parte della famiglia di mia moglie e ricominciai a festeggiare il Natale in famiglia... acquisita, per così dire :-) Essendo poi anche coincidente con il compleanno di sua nonna (quest'anno ne fa 93) è un'occasione in più per stare tutti assieme :-) Bé, devo dire che ho riscoperto il piacere di questa festa, anche se da un punto di vista religioso personalmente non mi trasmette granché.
    Mi è capitato l'occhio sul commento di Cristiana2011-2, subito prima del mio :-) Bé, la capisco... noi in queste occasioni il cane ce lo portiamo dietro, ma a casa restano i nostri tre gatti (e i pesci :-D) e ti posso dire che ci mancano e, immaginiamo, manchiamo a loro :-) Infatti ormai più di due notti non stiamo fuori...

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
  14. Ciao Stefania :)
    Io ho fatto l'albero, o meglio, lo hanno fatto altri per me, ma io l'ho tirato giù (in realtà quest'anno ne ho comprato uno nuovo, più grande, e l'ho montato per poi farlo decorare da altri, visto che son dovuto partire), per il resto... lo vedo come un'occasione speciale che, solitamente, da un pò di anni per me ha perso magia ma... spero di ritrovarla, di ritrovarne un pò e, FORSE... ci sto riuscendo, attraverso alcune cose belle che mi stanno capitando. E, allora, ho nel cuore lucette, canzoni, sonetti, regalini... tutti legati a una sola persona, ammetto, però... esistono. E va bene così, credo :)

    RispondiElimina
  15. Io vorrei tanto tornare indietro nel tempo, preparare e trascorrere il Natale come una volta.....

    RispondiElimina
  16. Ogni giorno è Natale. Ogni mattina ringrazio Dio per la notte trascorsa e per il nuovo giorno che inizia. Ho preparato la casa come si fa se arriva un ospite tanto atteso. Sì, c'è l'albero preparato sabato con i miei nipoti, sabato prossimo faremo, io guarderò, e la mia Elena (14) anni con Giacomo (6), il presepe con le statuine che hanno tutte un nome e una storia. Appartenevano al presepe che faceva il mio papà e se ne sono aggiunte altre, quelle del presepe dei miei figli piccoli. Ci sono altri addobbi, Tutto ha un perché. Non c'è Babbo Natale.
    Vorrei, se tu credi, che ricordassi' il brano di Vangelo di Luca che parla del vecchio Simeone che attende che il Bambino venga portato al Tempio per abbracciarlo e poi finalmente morire. Certo questo avviene dopo il giorno in cui festeggiamo la nascita del Cristo! Ma quest'episodio ha in sé qualcosa di profondamente umano, l'uomo che gioisce che altri continuino la propria opera: l'uomo che gioisce del fatto che, pure nella propria decadenza, vi sia un risveglio, qualcosa che va avanti.
    Ecco il nuovo Natale: noi abbracciamo un bambino e questo è l'Incontro. Ciascuno di noi ritrova la felicità di fronte alla novità di Dio-Bambino.
    Che importa se perdi tempo addobbando la casa? Il fatto importante è che ognuno di noi prepari con serena Bellezza il suo cuore.
    "Signore, fa che Ti accolga come il nuovo della mia vita, e che mi lasci trasformare dalla novità della Tua presenza". I dolori? ci sono e tanti, ma per un giorno doniamoli a Lui che ci aiuterà a trasformarli in amore da donare. Ciao.

    RispondiElimina
  17. Ogni anno è un pò a sé, dipende dagli stato d'animo che sto attraversando. Quest'anno sono in attesa di cambiamenti e quindi affronto o anche il Natale con una sorta di trepidazione. Però una cosa ti posso dire, non sopporto l'enfasi che spesso si riserva a questa festa, come se tutto quello che viene prima o dopo sia irrilevante. Non è così...

    RispondiElimina
  18. Ho perso da tempo lo "spirito" del Natale, ma, con una nipotina piccola che gira allegra per casa,,penso che alcune perdute sensazioni natalizie rivivranno!

    RispondiElimina
  19. Penso solo a renderlo speciale per mia nipote.
    Io ormai sono lontana da quel mondo. Per me Natale voleva dire nonna e ora che non c'è più il giorno del Natale per me è solo sentire di più la sua mancanza ma nello stesso tempo anche di ricordarla.
    Mia madre mi ha sempre detto: "Non perdere la magia del Natale. E' come perdere la speranza e noi tutti abbiamo bisogno di speranza."
    Ha ragione. Ha un sacco di ragione. Ma è veramente più forte di me.
    Vivo da sola da tre anni e non ho mai messo una lucetta in casa. Ma questo, lo ammetto, è pura e semplice pigrizia. ;-)
    Un saluto!
    MyP

    RispondiElimina
  20. Intanto le domande sono sei.... a parte gli scherzi quest'anno mi sto davvero sforzando a sentire il Natale ma proprio non ce la faccio, troppi problemi intorno. Andrà meglio in futuro, almeno spero! Venerdì mi appresto, comunque, a preparare tortellini per 15 persone, che la pancia piena rende tutto migliore :-)

    RispondiElimina
  21. Se credi nel S.Natale, la bellezza del tuo cuore, farà di ogni giorno un giorno speciale come fosse sempre Natale!
    L'atmosfera del Natale regna in ogni casa e quest'anno nella mia casa aleggia ancora più forte, è arrivato un piccolo angioletto e col suo vagito ci sorride felice!
    Un saluto e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  22. Sì, quest'anno ho proprio voglia di festeggiare il Natale e sono contenta che arrivi!! HoVogliaDiLuce,diOttimismo,diSperanza!!!

    RispondiElimina
  23. Solo tanta nostalgia per i Natali passati... non riesco a stare in questo presente

    RispondiElimina