BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

domenica 6 gennaio 2019

Che ne dite se...

Mentre scrivevo questo post, mi sono fermata  a guardare la pagina sul monitor : "Etichette", "Pianificazione", "Opzioni" e mi è venuto in mente una cosa nuova da proporvi: un kit di  pensieri, aforismi, frasi, proverbi DA FARE INSIEME A VOI.

Avete letto un libro,


una locandina pubblicitaria


Avete appena finito di leggere un fumetto o


 un quotidiano

sbirciato una rivista




calendario


avete visto un film


o il testo di una canzone
e una frase vi ha colpito?

Scrivetela nei commenti e motivate la scelta.

A me ha colpito  questo slogan: "C'è vita, in un libro. La tua."  Mi ha colpito la punteggiatura, la scelta della virgola è una pausa, per me, inaspettata... Sembra come se qualcuno te la stesse dicendo.

5 commenti:

  1. Ho ascoltato l’omelia di Papa Francesco di oggi L’Epifania.
    “Dio non sale alla ribalta del mondo per manifestarsi”
    Mi ha colpito che oggi in un mondo dove tutti scelgono di essere messi in luce per emergere, Lui , il Signore ha scelto di essere un fragile bimbo e nascere in una stalla.
    Ciao Stefania, buon anno!
    Dani

    RispondiElimina
  2. "Noi andremo via e il tempo resterà":
    Pino Daniele spiega così il suo rapporto con il tempo e la musica: il tempo esiste già, il tempo è un portale e la musica è un codice per entrare in questo portale che stiamo vivendo.
    Trovo che sia una delle espressioni più belle per spiegare la concezione del tempo: perché noi attraversiamo il tempo, lo sentiamo nostro, lo crediamo illimitato, lo sentiamo vicino e lontano, lo viviamo bene o male, tanto o poco, intensamente oppure no. Sta a noi viverlo al meglio e lasciare qualcosa di noi nel tempo. Perché noi andremo via e il tempo resterà.
    Ciao, buon anno e grazie!!! Marina

    RispondiElimina
  3. "Chi legge o ascolta non è un recipiente vuoto da riempire ma un moltiplicatore di quello che riceve.Aggiunge di suo immagini,ricordi,emozioni"Erri De Luca-Il giro dell'oca-
    Mi ha fatto capire perchè ognuno di noi interpreta in modi diversi quello che legge e spesso anche per noi ha significati diversi in funzione dei momenti,dell'età dello stato d'animo.

    RispondiElimina
  4. Cara mia, tante sono le citazioni che potrei riportarti qui! Ogni libro che leggo mi lascia delle frasi che mi hanno colpito!
    Riporto qui però una di Pennac del libro "Come un romanzo" la quale secondo me le racchiude tutte "Che dei libri possano sconvolgere e lasciare che il mondo vada a rotoli ha di che toglierci la parola".
    Questa frase secondo me ha un doppio significato: uno letterale, da prendere così come si legge. La lettura di alcuni libri ti sconvolge a tal punto da lasciare che il mondo vada a rotoli, senza poter parlare. Secondo me non è una frase veritiera!
    L'altro, forse una mia interpretazione, ma dimmi tu se la vedi come me, l'ho interpretata così: Se la lettura di taluni libri ti sconvolge a tal punto la coscienza non puoi lasciare che il mondo vada a rotoli; è come togliersi anche il diritto di parola!
    Per questo penso che la lettura di un qualsiasi libro, di un articolo di giornale, di una poesia, non possono lasciare ferma la coscienza di nessuno!
    La lettura ha la sua forza nel momento in cui questa si applica ad una azione, non per forza rivoluzionaria!
    Quando diciamo che una persona "legge ma poi non usa quel che legge" vuol dire proprio questo. Con la cultura puoi fare tanto, scuotere le coscienze, costringere a riflettere, a parlare! E' molto, non credi?

    RispondiElimina
  5. io di fumetti leggo solo Tex Willer

    RispondiElimina