BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

martedì 10 luglio 2012

A volte penso che...


A volte penso che si spenda poco tempo con le persone anziane, con le persone a cui vogliamo bene e con chi  sappiamo è sempre lì. A volte ci sfugge l'essenziale, ci angoscia il presente e ci ammaliamo di rabbia. 


 
Altre volte sembra che, guardando la tv o leggendo il giornale, tutto debba precipitare irrimediabilmente: quanti sacrifici ci vengono chiesti, accidenti al deficit, ma sono corsi e ricorsi storici e capisco e ammiro mia madre quando mi dice: “Il pane, dovevamo andarlo a prendere con la tessera e ci doveva bastare”, 




e in leccese mi consiglia: "Sparagna la farina quandu la mattra è cchina, ca quandu lu fundu pare a gnenti serve lu sparagnare" (Risparmia la farina quando la madia è piena, che quando il fondo appare, non ti serve a niente risparmiare).

  


Certo, altri tempi, altri modi di vivere, altri pensieri, altra Italia però lo trovo saggio e concreto. 
 
Questa riflessione m'è venuta ascoltanto radio deejay, questa mattina quando Savino e Linus parlavano di una vecchia canzone cantata da Manfredi Basta [...] 'n par de scarpe nove pòi girà tutt'er monno.

23 commenti:

  1. Bello! Buttare a monte preconcetti e pregiudizi. Riscoprire il senso profondo dell'esistenza.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. La canzone di Manfredi la dice lunga e i nostri genitori avevano capito tutto senza bisogno che giornali, radio, tv o internet gli spiegasse come era meglio risparmiare.
    Istinto di sopravvivenza.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il post, strabellissima la foto antica, arcistrabellissimo il consiglio di tua madre. Attualissimo, adesso che vediamo il fondo della madia e il risparmiare sta diventando un verbo da dimenticare.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. si danno troppe cose cose per scontate....e non gli si presta la giusta attenzione, è un grave errore perchè le piccole cose di ogni giorno sono le più importanti..... Buona serata!

    RispondiElimina
  5. Ciao Stefania, e' vero alle volte diamo per scontato che le persone care siamo sempre li' e si rincorrono le novità, senza apprezzare il momento che stiamo vivendo sempre tesi a qualcos'altro... e all'improvviso non c'e' piu' tempo se non per i rimpianti...
    Saggia lantua mamma anche se senza la traduzione non sarei riuscita a decifrarla.
    Notte!!!
    Patri

    RispondiElimina
  6. Già, la tessera! Me la ricordo ancora, mi pare fosse verdina con tanti bollini che venivano staccati dal negoziante. Il pane! Il pane faceva schifo, era nerastro e se non lo mangiavi subito diventava duro in poche ore. E tutto era razionato, la pasta, lo zucchero, il latte... Il caffè? praticamente introvabile, si andava avanti con l'orzo. Bah. Solo chi ci è passato o può capire.

    RispondiElimina
  7. Ricordo la canzone.E ricordo i sacrifici,il lavoro massacrante,
    la stanchezza di mio padre che lavorava nei campi e, come tanti altri, costruiva allora, inconsapevolmente forse, il benessere delle generazioni seguenti.
    E,cercando di non travalicare nella retorica, penso che solo
    con questo spirito di sacrificio potremo recuperare la dignità dell'Italia.

    RispondiElimina
  8. Erano altri tempi e le persone sapevano risparmiare, adesso un po' meno secondo me.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Ciao Stefania, bellissime e preziose le parole della tua mamma, come è prezioso il ricordo di come loro, i nostri genitori, hanno saputo lavorare, reagire e tirarsi fuori da un'altra terribile crisi e povertà. Se tutte le cose hanno un senso e un motivo il senso di questo momento nero deve essere quello di farci un po' ridimensionare, abbiamo dato tutto per scontato e invece di scontato non c'è niente, abbiamo perso il piacere di vivere di piccole gioie per correre dietro a un tutto che non ci ha portato niente...ecco se questa crisi deve avere un senso o un valore vorrei che fosse quello di farci tornare "uomini". Ciao. Un abbraccio. Antonella

    RispondiElimina
  10. Purtroppo il consumismo sfrenato ha fatto molti danni nel mondo e le persone non riescono più a rinunciare a qualcosa.

    RispondiElimina
  11. Si dice che il passato insegna
    Ma non in questo caso.

    RispondiElimina
  12. condivido questo post e il pensiero della tua saggia mamma, a volte fare un passo indietro fa recuperare tante cose!!!!!!! Lory

    RispondiElimina
  13. quante cose vere in queste tue riflessioni!E veramente bisogna risparmiare prima per cercare di andare avanti poi...un saluto

    RispondiElimina
  14. Significativa al massimo quella foto d'epoca!

    RispondiElimina
  15. Insegnamenti da anziani che spesso (ahimè) non vengono seguiti...Baciobacio

    RispondiElimina
  16. Ciao Stefania, la maggior parte di noi italiani affonda le proprie radici nell'antica e saggia filosofia del risparmio, siamo conosciuti nel mondo come popolo di risparmiatori, il che si è rivelato un effetto boomerang: i profittatori insensibili davanti a tutti i nostri sacrifici risucchiano anche quella piccola nicchia di tranquillità in cui potevamo rifugiarci per sopravvivere!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  17. la famose frase "si stava meglio, quando si stava peggio" in realtà è una grande verità. I nostri vecchi avevano ideali, rispetto, educazione, senso del dovere...parole che forse ora si trovano giusto sui dizionari della lingua italiana, ma di cui ignoriamo il vero significato!

    brava bel post di riflessione!

    RispondiElimina
  18. Credo che rimpiangere i valori e le abitudini della generazione e della società che ci ha preceduto sia quasi un "must" soprattutto arrivati a una certa età.
    La società non è nulla di statico, si evolve in un senso o nell'altro e credo che ogni situazione vada colta utilizzandone i risvolti positivi e cercando di minimizzare o comunque di dare un peso relativo agli aspetti negativi.

    RispondiElimina
  19. ...i tempi cambiano...la nostra generazione non ha vissuto di sacrifici...noi abbiamo avuto molto...e pensare di tornare indietro ovviamente fa paura...a me fa rabbia che in certe situazioni ci siamo finiti per colpa di lobbies, di speculatori e gente senza scrupolo, incompetenti che hanno pensato solo ai loro profitti...i sacrifici poi per rimettere le cose a posto li fanno i fessi...:-(

    RispondiElimina
  20. Il punto è che non accordiamo le parole con il pensiero e l'azione con le parole: tutti diciamo che si deve stare attenti all'essenziale, ma poi non facciamo mai un passo in questa direzione. E così abbiamo moltiplicato le esigenze, ma restiamo insoddisfatti. Qualche volta, tristemente, penso che, in fondo, abbiamo le condizioni che ci meritiamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Monica, tutti cerchiamo in fondo la felicità. Da sempre. Se non sappiamo vedere l'essenziale, finiamo per cercarla nell'effimero, nelle apparenze, nell'abbondanza. E' il modo dei ricchi di esser poveri.

      Elimina