BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

mercoledì 8 gennaio 2014

Il primo post del 2014

 
Carissimi amici blogger, spero che le feste appena terminate siano state speciali. Comunque. Vorrei segnalarvi questo film: Il manoscritto del principe di Roberto Andò del 2000. Il manoscritto è quello di Giuseppe Tomasi di Lampedusa "Il gattopardo". Questo film racconta, in particolare, del suo rapporto con gli allievi ventenni Guido e Marco (Gioacchino Lanza Tomasi e Francesco Orlando).



IL LIBRO fu rifiutato da Mondadori e da Einaudi, giunse a Giorgio Bassani, editor della Feltrinelli e... 



... il dattiloscritto fu pubblicato nei "Contemporanei" eccovi la PRIMA PUBBLICAZIONE nel 1958.


                          Peccato che lo scrittore morì un anno prima.





Nel 1963 Luchino Visconti, con un cast eccezionale (Burt Lancaster, Alain Delon, Claudia Cardinale, Giuliano Gemma, Ottavia Piccolo) vinse con Il Gattopardo 16ª edizione del Festival di Cannes.




Spero sia riuscita a incuriosirvi. Fatemi sapere.






10 commenti:

  1. Il film di Visconti l'ho visto, mentre il libro da cui è tratto non l'ho letto.
    Magari potrei vedere il film che segnali tu, così ne saprei di più su tutti i retroscena :-)
    Ti auguro un bellissimo 2014!

    RispondiElimina
  2. Sia il libro, prima, che il film, dopo, mi avevano catturato e caricato di entusiasmo per quel mondo scomparso. Interessante quello che proponi per la ragione che cita maris.

    RispondiElimina
  3. Sia il libro che il film mi sono piaciuti molto, ottima scelta :)

    RispondiElimina
  4. Libro e film bellissimi*_* Auguri per un 2014 sereno e con tante soddisfazioni!

    RispondiElimina
  5. mai sopportato il gattopardo, mai

    RispondiElimina
  6. Il Gattopardo è uno dei miei libri preferiti.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. l'ho letto tempo fa, ma non me lo ricordo per niente, magari è il momento di rileggerlo!!! il film non l'ho mai visto.
    gloria

    RispondiElimina
  8. Per Einaudi lo rifiutò Vittorni che invece scelse il capolavoro di D'Arrigo, Horcinus orca... le ragioni di quel rifiuto stanno nel DNA dei Siciliani che volevano, in quegli anni tremendi, voltare pagina. Ma "tutto cambia perché nulla cambi". Ed erano gli anni di Scelba ("La mafia se non ci fosse bisognerebbe inventarla"). E' probabile che il Gattopardo rappresentasse per Vittorini, testimone delle grandi rivolte antimafiose e democratiche dei contadini siciliani di quegli anni, che culminarono nei fatti di Avola, una sorta di canovaccio culturale cui attenersi ideologicamente per ricostruire antichi privilegi allora messi in discussione. Devo dire, che in quest'ottica, condivido il rifiuto di Elio Vittorini a che quel libro fosse pubblicato. Ma ci sarebbe molto da dire ancora su quegli anni che ancora oggi non trovano spazi adeguati sui libri di stroria.

    RispondiElimina
  9. Ciao stefania
    sono felice che sei passata a trovarmi io adoro leggere ti seguo volentieri ciao elisa di spicchidelgusto

    RispondiElimina